Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Fughe di gas in centro. «Risolveremo, ma sarebbe meglio chiuderlo al traffico»

di Sabino Zuppa

PORTO SANTO STEFANO – Cittadini del centro di storico di Porto Santo Stefano allarmati a causa delle frequenti fughe di gas metano che serve le civili abitazioni. Solamente due sere fa l’ultimo episodio, che intorno alle 21 ha costretto ad intervenire i tecnici della ditta che gestisce le condutture perché uno dei tubi che servono le abitazioni si è rotto, probabilmente urtato da un’auto che ha sbagliato una manovra avvicinandosi eccessivamente al muro.

Un evento che negli ultimi tempi è successo varie volte e che comincia a far sorgere i dubbi nella popolazione su quanto si possa fare o su quello e si è sbagliato in passato.

A prima vista il problema sembra strutturale, gli eventi sono successi soprattutto nel corso, una strada compresa all’interno della ztl che è particolarmente stretta e dove il parcheggio può creare problemi. E visto che i tubi che si rompono sono proprio i raccordi accanto ai muri delle case, probabilmente le manovre strette ed azzardate sono la causa principale del problema.

Ma l’amministrazione argentarina è a conoscenza del problema? Anche sui social network si sono recentemente sollevati molti dubbi su questo, ed in maniera tale da spingere il sindaco Arturo Cerulli ad intervenire: «Siamo ben a conoscenza del problema, le cui basi sono forse precedenti alla nostra entrata in scena – dice il primo cittadino – ed abbiamo tutte le intenzioni di risolvere questa situazione ed anche di riqualificare il corso, dove forse quella pavimentazione non è troppo adatta visto il passaggio delle macchine. Ma siamo anche consapevoli che, comunque decideremo di comportarci, non riusciremo ad accontentare tutti: perché lì il vero problema è il traffico ed il rispetto dei divieti di parcheggio. Forse si risolverebbe senza il passaggio delle auto ma rimarrebbe il problema dei disabili e dell’accesso alla chiesa: senza contare che i commercianti hanno visioni differenti sulle caratteristiche della ztl . Per questo – conclude Cerulli – insisto a dire che ci interesseremo del problema, ma non sarà facile mettere tutti d’accordo. Tutto questo con la speranza che gli stessi cittadini del centro rispettino le regole e magari, se si trovassero davanti una macchina in divieto di sosta, chiamino i vigili prima di effettuare manovre azzardate».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.