Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Concordia, Enrico Rossi: «Eravamo conosciuti per Leonardo e ora siamo noti per Schettino»

GROSSETO – «Eravamo noti per Leonardo, ora per Schettino e le sue oscentità». Così il presidente della Toscana, Enrico Rossi, che oggi è in aula al processo Concordia a Grosseto, racconta, sul proprio profilo twitter, questa vicenda che ha portato alla morte di tante persone.

«La Toscana è stata ferita – prosegue Rossi -. Quel mostro adagiato sugli scogli del Giglio che ha fatto il giro del mondo ci ha danneggiati: il turismo è calato del 7% al Giglio e del 4 in tutta la Toscana. Per cancellare questa ferita, bisogna ridare valore al marchio Toscana. Servono anni di lavoro e costose campagne di comunicazione. Per questo ho chiesto un equo indennizzo per la Toscana e il Giglio».

«Il danno per l’isola – afferma il sindaco del Giglio Sergio Ortelli – supera gli 80 milioni di euro. Inoltre abbiamo di fatto avuto un rallentamento di tutto quello che riguarda le attività dell’ordinaria amministrazione che sono riprese solo con la rimozione della nave».

IUl comandante Francesco Schettino ormai da due mesi non è presente in aula, tornerà sicureamente il 2 dicembre quando sarà sentito.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.