Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sub morti alle Formiche, la Procura chiede il giudizio immediato

GROSSETO – Il pm Stefano Pizza ha chiesto il giudizio immediato per Andrea Montrone, titolare di un diving a Talamone e il suo collaboratore Maurizio Agnaletti, indagati per la morte dei tre sub umbri – Fabio Giaimo, Enrico Cioli e Gian Luca Trevani – avvenuta in un’immersione alle Formiche di Grosseto il 10 agosto scorso. La decisione è stata presa dopo aver ricevuto i risultati della perizia del consulente Giorgio Chimenti da cui emergerebbe che le bombole di ossigeno non furono ricaricate correttamente. Il difensore di Agnaletti invece ha avanzato una richiesta di incidente probatorio. Le difese dei due accusati comunque hanno sollevato eccezioni sui tempi di richiesta di giudizio immediato perché secondo loro il fascicolo è pervenuto in tribunale due giorni dopo i 90 previsti dalla legge. Il fascicolo è all’esame del gip Valeria Montesarchio.

Il titolare del diving Abc di Talamone, Andrea Montrone e il suo collaboratore, Maurizio Agnaletti Dovranno rispondere di omicidio colposo plurimo per la morte dei tre sub umbri durante immersione alle Formiche di Grosseto il 10 agosto scorso. Dalla perizia effettuata per la procura dall’ingegner Chimenti dei vigili del fuoco nell’attrezzatura usata da Fabio Giaimo, Gian Luca Trevani e Enrico Cioli, è emerso lo “stato dei filtri era disastroso”, la “precarietà delle attrezzature”, “sette bombole prive della verifica periodica”. Le analisi – si legge nella perizia – hanno stabilito che le “bocchette d’aria dei compressori hanno aspirato aria inquinata dallo scarico dei motori a benzina dei compressori stessi”. Entrambi i compressori, inoltre “sono risultati di vecchia costruzione, 1979 e 1997, ed in evidente stato di carente manutenzione e conservazione”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.