Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Per conoscere l’oasi di Orbetello, escursione con Lav e WWF e menù vegano

Più informazioni su

ORBETELLO – Domenica 9 novembre l’oasi WWF Laguna di Orbetello ospita una iniziativa promossa dalla LAV di Grosseto, una giornata che vede unirsi il contributo delle due associazioni: la conoscenza della Natura e della sua conservazione con la visita all’Oasi WWF Laguna di Orbetello e  la promozione di una assoluto rispetto degli animali con un menù vegano seguito dalla lettura di brani dedicati agli animali al suono della chitarra, nel grande prato del Casale.

L’appuntamento è alle ore 10 al Centro visite dell’Oasi, al km 148,300 della SS 1 Aurelia(corsia sud), per intraprendere una passeggiata dentro una delle Oasi più significative e più sorprendenti della Maremma, soprattutto in questo periodo di grandi afflussi migratori. Durante la visita guidata sarà possibile osservare i fenicotteri rosa, le spatole, l’airone bianco maggiore, l’airone cenerino, la garzetta, varie specie di anatre come il germano reale, il mestolone, l’alzavola, il fischione, il codone e forse anche la Volpoca. In questo periodo si possono incontrare anche alcuni uccelli limicoli come la pettegola, la pantana, la pivieressa, il chiurlo maggiore, l’avocetta, e anche i piccoli piovanelli pancianera ed i corrieri. Sarà possibile osservare sopra il canneto o la bellissima salicornia il falco di palude in cerca di qualcosa da mangiare, ma anche il gheppio e la poiana nei campi dell’oasi. Sicuramente anche il simpatico porciglione ed il belllissimo martin pescatore, faranno le loro fugaci apparizioni. Le sorprese non saranno solamente queste, perché ogni volta lo scenario è diverso in base al vento e al livello dell’acqua; in questi giorni sono arrivate anche le prime gru e le oche selvatiche, ma no sappiamo se sarà possibile osservarle.

Al termine dell’escursione un breve trasferimento al Casale della Giannella, sull’omonimo tombolo, dove la giornata continuerà all’insegna di un pranzo “No-kill”: alimentarsi senza prodotti animali, ma con grande qualità e varietà. Il menù infatti sarà formato da piatti gustosi, ma senza l’utilizzo di ingredienti provenienti dagli animali. Non una sfida alla tradizione maremmana, ma anzi la dimostrazione che anche nella storia gastronomica della Maremma è possibile trovare inconsapevoli precursori del veganesimo. Ai presenti verrà donato un opuscolo di ricette “Cruelty Free”  di cucina vegana.

Nel pomeriggio una lettura  di brani dedicati alla vita degli animali  nel prato centrale del Casale  con il suono della chitarra come colonna sonora. info: Mauro 328.4880856

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.