Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tirrenica, Casamenti attacca: «Peggior soluzione a causa della giunta Paffetti»

 

ORBETELLO – «La questione autostradale purtroppo sembra finire come avevamo pronosticato 3 anni e mezzo addietro, ovvero la peggior soluzione per il nostro territorio grazie a tre anni e mezzo di campagna demagogica, strumentale, inutile del no assoluto a tutto da parte del sindaco Paffetti, del vicesindaco Stoppa e di tutta la giunta che hanno raccontato e fatto credere ai cittadini mondi fantastici di progetti retrocollinari arancioni, addirittura promettendo in campagna elettorale il tracciato 2008 ormai irrealizzabile». Questo l’attacco da parte di Andrea Casamenti, capogruppo di Oltre il Polo in consiglio comunale di Orbetello che agguinge: «Il mese scorso addirittura il vicesindaco Stoppa, dopo il non finanziamento di 270 milioni di euro da parte del governo nel decreto “Sblocca Italia”, si era addirittura lanciato in una fantasioso e delirante annuncio, affermando che anche grazie all’ostracismo della giunta Paffetti al tracciato autostradale quei soldi non erano stati concessi a Sat».

«Pura fantasia dato che proprio quell’ostracismo assoluto ad ogni ipotesi ha portato alla soluzione peggiore per il nostro territorio. Eppure erano tre anni e mezzo che chiedevamo alla giunta di presentare una proposta da discutere insieme senza pregiudizi per rendere forte la posizione del nostro Comune – prosegue Casamenti -. La giunta Paffetti invece ha preferito continuare nelle inutile demagogia invece di tutelare veramente tutti i cittadini del nostro territorio e questi sono i risultati. La Tarquinia-Grosseto diventerà infatti una autostrada che passerà sulla attuale Aurelia a tutti gli effetti e come tale sarà sottoposta a pedaggio. Se in giunta avessero un pò di dignità politica dovrebbero dimettersi per quello che stanno arrecando al nostro territorio. Oggi la giunta si chiede come tutto ciò sia possibile, come mai non sono stati ascoltati, perché una decisione così punitiva per il nostro territorio, ma bastava che ci avessero ascoltato per tempo».

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.