Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

La Maremma si mette il kimono: a Grosseto arrivano i bonsai e l’arte del suiseki

Più informazioni su

GROSSETO  – Lo “Studio D’Arte Bonsai e Suiseki Grosseto”, con il patrocinio del Comune di Grosseto, organizza nel prossimo fine settimana (25 e 26 ottobre 2014) il “3° Trofeo Città di Grosseto”, evento ad ingresso gratuito allestito nella splendida cornice della troniera del Cassero, quei locali in passato anche adibiti a rifugi durante i bombardamenti e recentemente riaperte per accogliere manifestazioni culturali. Le precedenti due edizioni del Trofeo si erano comunque svolte in un’altra realtà del centro particolarmente suggestiva come il Chiostro della chiesa di  S. Francesco.

La manifestazione ha principalmente lo scopo di riunire gli appassionati delle arti orientali del Bonsai e del Suiseki, ormai largamente diffuse anche sul nostro territorio nazionale. Il Bonsai è letteralmente l’arte di coltivare alberi in vaso, mentre quella del Suiseki è parallela e riguarda la tecnica di collezionare e disporre pietre, di particolare forma o aspetto, in maniera tale che possano formare una gradevole composizione capace di favorire la meditazione.

“Un appuntamento diverso e originale – ha spiegato l’assessore Stellini – che si inserisce perfettamente in un finesettimana ricco di eventi e che prosegue nella valorizzazione delle nostre troniere. Un viaggio interessante in tradizioni e arti milenarie di una cultura orientale che unisce estetica, spiritualità e armonia con la natura”.

Come ogni anno parteciperanno alla mostra diversi ospiti, nonché amici del Club Studio d’Arte Bonsai e Suiseki di Grosseto, provenienti da tutta la Toscana e dal Lazio. All’interno delle tre sale messe a disposizione dal Comune saranno esposti i migliori esemplari di Bonsai e Suiseki delle varie collezioni personali, in una cornice suggestiva e mai adottata per una esposizione del genere.
La manifestazione si chiuderà con l’elezione del miglior Bonsai (1°, 2° e 3° posto) e del miglior Suiseki (1°, 2° e 3° posto). Il giudice per i Bonsai sarà Enrico Sallusti e per i Suiseki Fabrizio Buccini, due figure di esperienza pluriennale nelle due arti che hanno accettato di offrire la loro competenza per questo evento.

L’inaugurazione è prevista per sabato mattina dalle 11 con apertura fino alle 13 e dalle 16 alle 21. Domenica gli orari saranno dalle 11 alle 13 e dalle 16 alle 18. Per qualsiasi informazione è possibile contattare il Presidente del Club organizzatore, Fabrizio Fini, al numero 333 709 6656.

Arte del Bonsai – Nasce in Cina e si sviluppa in Giappone, dove acquisisce i canoni estetici che oggi conosciamo e rispettiamo. Il bonsai occidentale trae ispirazione dalle origini giapponesi, cercando una sua connotazione autoctona, sia nella scelta delle specie, che nell’estetica dell’opera. L’obiettivo finale della coltivazione di un Bonsai è quello di creare una rappresentazione miniaturizzata, ma realistica della natura nella forma di un albero. I Bonsai non sono piante geneticamente nane, infatti tutte le specie di alberi possono essere utilizzate per la coltivazione.

Arte del Suiseki  – E’ parallela a quella del Bonsai, in quanto anch’essa si sviluppa in Giappone. Si collezionano pietre modellate dalla natura e si compongono a fini meditativi. Il termine Suiseki è in realtà la contrazione delle parole Sansui Kei Seki o Sansui Keijoseki (sui = acqua e seki = pietra) ed indica il significato di “pietra lavorata dall’acqua”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.