Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Rito abbreviato per Sergio Bertini che strangolò la compagna ucraina foto

Più informazioni su

GROSSETO – Sarà giudicato con il rito abbreviato Sergio Bertini, 48 anni, il tecnico informatico che nell’ottobre 2013 strangolò nel letto di casa la sua compagna, l’ucraina Irina Meynster, dopo l’ennesima lite di gelosia. L’uomo tentò anche di occultare il cadavere lanciandolo in un dirupo sul Monte Argentario. Il corpo fu trovato dopo qualche giorno in avanzato stato di decomposizione da alcuni cacciatori.

 

Bertini confessò durante l’interrogatorio degli inquirenti e fu arrestato con le accuse di omicidio volontario premeditato e occultamento di cadavere. Il gup Valeria Montesarchio ha ora accolto la richiesta del legale di Bertini, Tommaso Galletti, per far giudicare il suo assistito con il rito abbreviato. Si è costituita come parte civile, accolta dal giudice, anche l’associazione ‘Olympia de Gouges’ che si occupa delle donne maltrattate. Il giudice Montesarchio ha accolto la richiesta dell’associazione perchè “l’omicidio della badante ucraina lede la dignità delle donne”. L’udienza è in programma il prossimo 20 gennaio presso il tribunale di Grosseto.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.