Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Vasche anti alluvione: progetto ok. Saranno grandi 35 ettari e “freneranno” il rischio del Pecora

Più informazioni su

di Daniele Reali

SCARLINO – Una grande cassa di laminazione per consentire al fiume Pecora di attenuare la sua forza e contenere le ondate di piena. L’opera sarà realizzata nel territorio del comune di Scarlino grazie ad un progetto da 6 milioni e 750 mila euro finanziato dai fondi della regione Toscana e dalla Cassa Depositi e Prestiti. Servirà come intervento di messa in sicurezza del territorio soprautto a protezione di Follonica e dell’abitato del Puntone ed evitare che si ripetano episodi come quello accaduto durante l’alluvione del febbraio scorso. In quel caso l’acqua arrivò con tutta la sua forza nella fiumara del Puntone provocando danni per centinaia di migliaia di euro.

Il progetto, predisposto dal Consorzio di Bonifica Costa Toscana, prevede la realizzazione di una vasca da 35 ettari in grado di contenere fino a 950 mila metri cubi di acqua. La gara è già stata bandita e scadrà il prossimo 3 novembre. I tempi per la realizzazione dell’intervento sono fissati con la fine del 2016.

A presentare il progetto, nella sala consiliare del comune di Scarlino, il sindaco Marcello Stella insieme all’assessore regionale Annarita Bramerini, all’assessore all’ambiente di Follonica Mirjam Giorgieri e ai rappresentanti del Consorzio di Bonifica: il presidente Giancarlo Vallesi, il direttore Roberto Pandolfi e il responsabile del procedimento Alessandro Fabbrizzi.

«Per il nostro territorio è uno notizia importante – ha detto stella – perché si tratta di un intervento che stavamo attendendo da anni e che consentirà di “laminare” (cioè di attenuare e contenere) il picco di piena del fiume Pecora e assicurare un tempo di portata duecentennale (per eventi quindi che si verificano una volta ogni duecento anni)».

Soddisfatta anche l’assessore regionale Bramerini. «Sul progetto c’è stata un’accelerata, è diventato esecutivo e a breve saranno assegnati i lavori. Il nostro obiettivo è sempre stato quello di spendere bene le risorse che avevamo a disposizione e mettere in sicurezza Follonica e il Puntone. Questo intervento insieme anche agli altri che sono in programma vanno proprio in questo senso».

E tra gli altri interventi previsti c’è anche il rafforzamento dell’argine del fiume Pecora proprio nel punto che “strappò” durante l’ultima alluvione. Un’altra opera che accrescerà la sicurezza del territorio e che partirà , anche in questo caso, a breve.

 

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.