Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savoia nel senese: via all’esercitazione che simula un confitto tra due stati

Più informazioni su

SIENA – Dal 13 al 15 ottobre, il reggimento “Savoia Cavalleria” sarà in attività addestrativa continuativa nel territorio della provincia di Siena. Si tratta, questa volta, di un’esercitazione finalizzata a consolidare quelle prime conoscenze e capacità, tipiche delle aviotruppe, che i Cavalieri stanno acquisendo nel corso del processo di trasformazione che porterà “Savoia” a divenire un’unità di cavalleria paracadutisti – unica nell’Esercito Italiano – alle dipendenze della Brigata Paracadutisti “Folgore”.

Dopo aver dimostrato, nel mese di Marzo, ad un team di ispettori/valutatori della Brigata “Folgore” di aver istruito ed addestrato un intero squadrone paracadutista (oltre un centinaio di cavalieri), “Savoia” è ora chiamato a rafforzare la preparazione di un secondo squadrone.

L’esercitazione sarà condotta simulando l’intervento di una forza multinazionale per la risoluzione di un conflitto tra due stati, innescato per il possesso di alcune posizioni di importanza strategica di una regione confinaria (la provincia di Siena): in particolare, la forza multinazionale sarà incaricata di individuare alcune unità militari di uno dei due stati, che, in violazione alla tregua raggiunta, sono state infiltrate nel territorio dell’altro stato per svolgere azioni di sabotaggio. L’attività si svolgerà nell’area compresa tra Pian del Lago, Monteriggioni, Castel Petraia, ma non coinvolgerà in alcun modo gli agglomerati urbani. Pur se improntata al massimo realismo possibile, l’esercitazione non prevede lo svolgimento di attività a fuoco, ma solamente l’impiego di mezzi militari e personale appiedato per il pattugliamento e il controllo del territorio. I cavalieri paracadutisti saranno equipaggiati di tutto punto, ma le loro armi saranno caricate solo “a salve”.

La “centrale di controllo” di tutte le attività, cioè la Direzione di Esercitazione, sarà allestita in località Valmaggiore: da lì, i nuclei di controllo dovranno studiare e valutare tutte le attività di pianificazione, organizzazione e condotta dell’esercitazione da parte delle unità esercitate. Un altro importante passo verso la completa riconfigurazione dell’unità in reggimento cavalleria paracadutisti.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.