Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Baccetti «Si vende per far cassa. Roccastrada a un passo dal dissesto finanziario»

Più informazioni su

ROCCASTRADA – «Un bilancio previsionale a fine anno è assurdo» lo afferma Simonetta Baccetti consigliere comunale di “Insieme per Roccastrada” che ricorda come non ci sia «una certezza di copertura finanziaria, dove le fonti di finanziamento dovrebbero provenire dalla Regione toscana e da alienazioni».

«Ora aldilà della crisi in atto che da anni non favorisce la vendita del patrimonio comunale, ancora oggi si vuole vendere per fare cassa e coprire gli interventi – prosegue Baccetti -. Noi abbiamo forti dubbi sulla possibilità che si concretizzino le alienazioni (molti immobili sono invenduti da anni) utili a coprire i progetti, come riteniamo aleatorio coprire i maggiori interventi soltanto da richieste fatte alla Regione toscana e alle entrate di oneri di urbanizzazione che non danno nessuna certezza di essere erogati e riscossi. Noi pensiamo che tutto questo poteva essere evitato con una maggiore oculatezza delle spese e dell’operato della macchina comunale, che con la sua incapacità ha prodotto situazioni debitorie abnormi».

«Questa situazione non può portare che ad ulteriori insostenibili pressioni fiscali e tagli che non salveranno l’Ente, se non cambia passo, dal dissesto finanziario – continua Baccetti -. Basti notare che il contributo procapite cittadino , neonati compresi è di euro 920,17 e di 7.559.765,00 di tasse, evidenziando che dal 2013 al 2014 vi è stato un aumento delle tasse per 700mila euro. Vogliamo concludere col ricordare i 170mila euro di debiti verso terzi da contenziosi in corso che dovranno essere collocati quando riconosciuti, nei debiti fuori bilancio».

Baccetti tocca anche il tasto ambiente, ricordando «il passato con lo scempio del caolino, i “ merenderi” , il tentativo di far fare 100 ettari di fotovoltaico nella valle del Gretano ed ora la volontà di imporre un inceneritore a cosiddette biomasse nell’area delle cave del gesso. Visto l’incertezza delle entrate le opere pubbliche rendono il bilancio medesimo una pura formalità contabile priva di efficacia attuativa». Baccetti chiede anche di uscire «da carrozzoni come RAMA, dove la somma di partecipazione in RAMA potrebbe essere destinata per le scuole del nostro comune. Il nostro simpatico sindaco continua a dire di avere diminuito la pressione fiscale falsando la raltà, sorridendo a fronte dei continui salassi che stanno subendo i cittadini di Roccastrada».

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.