Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tasi, sul sito del comune il sistema per calcolarla in automatico

Più informazioni su

FOLLONICA – Un calcolatore automatico, per stabilire quanto si deve pagare di Tasi. Lo ha installato il comune di Follonica sulla propria home page all’indirizzo www.comune.follonica.gr.it oppure cliccando QUI. Attraverso il calcolatore sarà possibile effettuare il calcolo e stampare il modulo F24, dopo aver inserito tutti i dati necessari riferiti all’immobile. L’Amministrazione comunale infatti non invierà alcun conteggio ai contribuenti che dovranno provvedere autonomamente a fare il calcolo.

«La Tasi, Tassa sui Servizi Indivisibili – ricorda il comune di Follonica -, la nuova imposta comunale istituita dalla legge di stabilità 2014, riguarda i servizi comunali rivolti a tutti, come ad esempio la manutenzione stradale o l’illuminazione pubblica, la sicurezza. La Tasi deve essere pagata da chi possiede o detiene a qualsiasi titolo fabbricati, ivi compresa l’abitazione principale, ed aree edificabili ad eccezione dei terreni agricoli».

«Ogni Amministrazione comunale, con propria delibera, ha stabilito le aliquote della TASI. Il comune di Follonica ha stabilito l’aliquota per l’abitazione principale e le relative pertinenze (considerando una pertinenza per categoria C/6, C/2 e C/7) pari al 2 per mille – prosegue il Comune -; caso particolare per gli inquilini assegnatari degli immobili EPG ed Ex Ater del Comune di Follonica, che dovranno pagare il 10% dell’imposta dovuta. Per quanto riguarda le seconde case (tipologia A), la TASI non è dovuta né da parte del proprietario né da parte dell’affittuario, in quanto già assorbita dall’IMU. Per tutti gli immobili appartenenti alle categorie A/10, B,C,D, Aree edificabili, sulle quali già grava l’IMU all’8 o al 7,60 per mille, la TASI è dovuta con aliquota pari all’1 per mille; stessa aliquota è prevista anche per gli immobili strumentali all’attività agricola».

Le scadenze sono le seguenti: acconto il 16 ottobre e saldo il 16 dicembre, con possibilità di pagare entrambe le rate il 16ottobre (ma non il 16 dicembre). Il pagamento può essere effettuato con modello F24 (senza spese aggiuntive presso Banche e Uffici postali) oppure con apposito bollettino di conto corrente postale reperibile presso gli Uffici postali.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.