Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Negozi aperti: la Toscana torna alla carica per ‘salvare’ domenica e festivi

Più informazioni su

FIRENZE – La Toscana chiede emendamenti alla proposta di legge sulla disciplina degli orari degli esercizi commerciali presentata dal Governo e attualmente in discussione presso la X Commissione della Camera. Lo fa con una lettera al presidente della X Commissione a firma del presidente Enrico Rossi e dell’assessora al commercio Sara Nocentini, in cui si ribadisce un giudizio critico a due anni dall’applicazione della liberalizzazione senza regole; soprattutto per quanto fa riferimento al peggioramento delle condizioni di vita e di lavoro dei lavoratori dipendenti e dei titolari di piccole imprese.

“II nostro obiettivo – scrivono Rossi e Nocentini – è la tutela dei diritti dei cittadini lavoratori del settore senza che per questo venga penalizzata la libera concorrenza. Per questo crediamo essenziale che venga emendata la norma che affida ai Comuni il coordinamento delle dodici chiusure obbligatorie all’anno, in occasioni di festività valutate fondamentali rispetto alla nostra storia e al sentire collettivo”. E’ il livello regionale invece quello valutato dalla Regione Toscana più consono a cogliere le esigenze del territorio e a poter armonizare le specificità, al fine di evitare la possibile creazione di situazioni di concorrenza tra Comuni limitrofi.

L’altro aspetto che la Regione Toscana individua come scarsamento adeguato, e di cui chiede pertanto la modifica per bocca del presidente e dell’assessora, è quello dell’accordo non vincolante. Pur richiedendo infatti unanimità di consensi, non tiene cointo di una realtà caratterizzata da interessi fortemente contrapposti, come quelli tra grande e piccola distribuzione, in cui la mancanza del vincolo da rispettare ne renderebbe fragile l’applicazione e il rispetto proprio di quel principio di tutela della concorrenza che si vorrebbe salvaguardare.

Infine, ma non certo per minore importanza, Rossi e Nocentini chiedono la garanzia per i lavoratori del settore di poter usufruire di una quota di domeniche e festività libere dal lavoro; e l’impegno affinchè venga affrontato nelle sedi opportune il tema delle turnazioni e delle retribuzioni del lavoro domenicale e festivo.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.