Cinelli risponde al Pd: «Non hanno fatto nulla, siamo stati noi a far partire tutti gli iter»

MAGLIANO IN TOSCANA – «Mi risulta davvero difficile capire come un ex assessore della giunta Tofanelli oggi segretario dell’unione comunale del Pd, peraltro non eletto democraticamente, possa fare certe affermazioni». Il sindaco di Magliano, Diego Cinelli, risponde così alle accuse giunte oggi dall’unione comunale del Pd.«Definisce la Giunta Cinelli immobilista? Difficile definire quella precedente. Spieghi lui come mai non sono stati assegnati i lavori di rifacimento del torrione circa un milione di euro quando il 30 novembre 2012 i soldi erano già disponibili dall’amministrazione e nulla aveva fatto per far partire i lavori, ma solo con l’insediamento della nuova giunta è partito l’iter, spieghi anche come mai per i lavori dei ponti di S. Andrea e la frana di Pereta è successa la stessa cosa».

«Cosa ancor più grave le manifestazioni estive, visto che lui era assessore alle manifestazioni, non è colpa dell’attuale amministrazione che peraltro ha fatto molti più eventi spendendo meno degli anni precedenti e ricevendo un grande aiuto e collaborazione come dimostrano gli atti – precisa Cinelli -. Ci chiediamo anche dove erano fino a ora tutti quegli ormai ex amministratori che quando erano in carica ben si guardavano di confrontarsi con la gente, risolvere i problemi ecc, ma hanno anche la presunzione di dispensare consigli e fare i grandi amministratori, ma vorremmo ricordare a tutti che il risultato delle elezione del 25 maggio è inequivocabile e ha espresso un giudizio chiaro sull’operato della giunta Tofanelli di cui Canzonetti ribadiamo era assessore».

 

Commenti