Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Rifiuti pericolosi: più facile lo smaltimento per tatuatori, parrucchieri e estetiste

Più informazioni su

GROSSETO – Sarà più semplice la gestione dei rifiuti “pericolosi” per le imprese che operano nei settori dell’acconciatura, dell’estetica, per i tatuatori e per coloro che applicano i piercing. Lo comunica la Cna che attraverso il suo direttore, renzo Alessandri riporta «La commissione Ambiente della Camera ha infatti approvato un emendamento che recepisce le richieste avanzate da CNA e volte a semplificare la gestione dei rifiuti “pericolosi” (aghi, siringhe e oggetti taglienti)».

«Se l’aula della Camera confermerà la decisione della commissione questi rifiuti potranno essere conferiti dall’impresa produttrice direttamente al centro di smaltimento autorizzato evitando di ricorrere, sostenendo i relativi costi, ad una azienda specializzata – prosegue Alessandri -. I rifiuti, ovviamente, dovranno essere comunque annotati su un apposito registro, indicando ogni volta data, quantità e specifiche identificative del centro di smaltimento».

«L’emendamento approvato in commissione, ora all’esame dell’aula, costituisca il primo passo verso il superamento di quel discutibilissimo e contestatissimo sistema di tracciabilità dei rifiuti (Sistri) che CNA rivendica da tempo – afferma ancora Alessandri -. È inoltre la prova di come sia possibile, con una scelta dettata dal puro buon senso, eliminare costi e burocrazia. Alle centomila imprese italiane che operano nei settori interessati dall’emendamento e alle circa 600 che operano nella nostra provincia qualcuno dovrebbe spiegare perché un cittadino possa radersi, utilizzare un ago o un oggetto tagliente e smaltirlo tranquillamente al cassonetto mentre un operatore professionale, per la stessa tipologia di rifiuto, viene costretto ad affrontare un vero e proprio “percorso di guerra”». Alessandri conclude invitando «i parlamentari locali a sostenere un emendamento in grado di alleviare, in un momento così difficile, il carico di costi e di burocrazia che gravano sulle imprese».

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.