Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Pugilato: pugni azzurri a Marina e il match con la Svezia termina in parità

MARINA DI GROSSETO – Grande serata di pugilato quella svoltasi nella Palestra Comunale “Giovanni Battista Finetti” di Marina di Grosseto per l’organizzazione della Fight Gym Grosseto. Di fronte ad un pubblico accorso numeroso e caloroso, per sostenere i loro beniamini in azzurro, tutti i ragazzi della Nazionale Italiana, condotti magistralmente da Raffaele Bergamasco e Maurizio Stecca e di fronte al presidente della Federazione Pugilistica Italiana Alberto Brasca si sono espressi al massimo delle loro capacità, suscitando anche l’entusiasmo del vicesindaco e assessore allo sport di Grosseto Paolo Borghi. La sfida fra le due Nazionali inizia in Discesa per l’Italia che si aggiudica i primi due match con il 52 kg. Claudio Grande, massese con doti tecniche rilevanti che comanda e non si lascia irretire dalla veemenza dell’avversario e con il 56 kg. Riccardo D’Andrea che supera un avversario ben dotato fisicamente che lo impegna fino al suono del round finale.

La situazione va in parità con i due incontri successivi ove sia Fateh BenKorichi nei 60 kg. e Paul Constantin Cocolos cedono onorevolmente le armi di fronte ad avversari più esperti. Paul Constantin Cocolos con all’attivo 49 incontri affronta un avversario con un bagaglio di oltre 150 match, 4 volte campione nazionale e con partecipazioni a campionato mondiale ed europeo. Segue il match femminile che permette alla Svezia di andare in vantaggio con la vittoria di Elin Cederroos sulla livornese Annalisa Ghilardi nei kg. 75. Ad effettuare ancora il sorpasso è il Team Italiano con le affermazioni di Alfonso Di Russo nei kg. 69 e Giuseppe Perugino nei kg. 75. La vittoria per Giuseppe Perugino arriva al termine di una vera e propria battaglia proprio in quel luogo dove suo padre Prisco, tragicamente scomparso, nel maggio del 2000 conquistava il titolo italiano professionistico. Il confronto fra i due team prosegue con incontri combattuti strenuamente. Nei kg. 81 è lo svedese Hampus Henriksson ad aggiudicarsi di misura il confronto su Daniele Scardina. Per la categoria dei kg. 91 sale sul ring Fabio Turchi reduce da un lungo periodo di inattività causa un virus contratto nell’ultimo torneo internazionale e l’impegno non è certamente facile, ma alla fine arriva la meritata vittoria. Infine nella massima categoria è lo svedese Johnny Iwersen che porta le sorti in parità aggiudicandosi il verdetto sul nostro Mario Federici.

Anche questa manifestazione di pugilato si inserisce in quel cartellone di eventi sportivi favorito dell’Amministrazione Comunale di Grosseto per promuovere la cittadina balneare e la Fight Gym Grosseto non si è sottratta a questo compito ed ha presentato magistralmente il meglio che il pugilato olimpico nazionale possa offrire.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.