Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Idee di bellezza, torna La Città Visibile. Edizione ancora più ricca di eventi

GROSSETO – Torna l’appuntamento con La Città Visibile, tempo di arte, di cultura, di bellezza a Grosseto e nella Maremma. Proprio alla bellezza è stata dedicata l’edizione 2014 dell’evento firmato da Fondazione Grosseto Cultura e CEDAV, centro di documentazione arti visive, in coorganizzazione con il Comune di Grosseto. Sarà come sempre un’edizione itinerante che coinvolgerà anche i Comuni di Magliano in Toscana, Castiglione della Pescaia, Follonica, Scarlino. La Città visibile è una manifestazione culturale che vuole raccontare il territorio maremmano, con i suoi centri urbani, in modo nuovo e lontano dagli antichi stereotipi. Attraverso esposizioni d’arte, di fotografia, di architettura, ma anche eventi multidisciplinari come passeggiate letterarie, conferenze, workshop, seminari, la Maremma si mette in mostra e rende visibile il suo passato, il suo presente, il suo progetto di futuro. Ecco allora che la Città visibile diventa anche un evento relazionale e inclusivo: vuole stimolare tutti e anche le categorie sociali più emarginate, a partecipare per condividere il piacere dell’esperienza creativa e narrativa.

«La Città visibile – commenta il presidente della Fondazione Grosseto Cultura Loriano Valentini – è un progetto ormai affermato e riconoscibile per la sua originalità, continua a crescere come proposte e come coinvolgimento. Cerchiamo di ricordare che la cultura oggi può offrire una visione nuova, proiettare la nostra realtà verso altri territori, trasformare i sogni in progetti e dare risposte ai temi della qualità della vita, alla fame disperata di lavoro e alla riaffermazione della bellezza nella realità di ogni giorno, che è proprio il tema di questa edizione 2014 della Città visibile».

«La Città visibile – ha detto il sindaco di Grosseto Emilio Bonifazi – è un progetto culturale di grande respiro, un percorso parte dalla città e si sposta sui territori, che punta a ricostruire e consolidare attraverso l’arte, la cultura e l’identità il forte legame tra la città di Grosseto e la Maremma nel suo complesso».

«Tutta la città si è mobilita – ha ricordato l’assessore alla cultura Giovanna Stellini – per indagare, attraverso diverse forme di rappresentazione creativa, il tema della bellezza. Grazie all’impegno e al protagonismo di associazioni e creativi, la Città visibile ha saputo in questi anni mettere in rete una produzione artistica ricca quanto, a volte, sconosciuta».

«Il tema di quest’anno è dunque la bellezza, indagato attraverso tipologie eterogenee di rappresentazione creativa – spiega Mauro Papa direttore del CEDAV e coordinatore del progetto la Città visibile – Per la prima volta pero, la Città visibile 2014 individua nel raccolto d’attualità del reportage fotografico uno strumento di narrazione privilegiato. Per questo motivo è stato pubblicato un bando nazionale dedicato al reportage fotografico finalizzato a selezionale le opere per la tradizionale grande mostra nel Cassero senese di Grosseto»

A Grosseto inoltre si potranno ammirare altre mostre legate a importanti reportage: il lavoro del fotografo Uliano Lucas dedicato ai centri locali di salute mentale, il reportage di Massimiliano Tursi sui luoghi di Bianciardi e le foto con i grafici che documentano lo straordinario graffito monumentale inciso sulle pareti del manicomio di Volterra.

L’inaugurazione della mostra al Cassero, fissata per il 13 settembre, segna il via ufficiale della Città visibile 2014: alle 18.30 taglio del nastro dunque per l’intera manifestazione. La mostra, divisa nelle sezioni reportage fotografico e opere singole, espone le opere selezionate dal bando di concorso nazionale città visibile 2014. La sezione dedicata al reportage è curata dai fotogiornalisti professionisti Federico Borselli e Amedeo Novelli.

Alle 19,30 del 14 settembre alla Cava di Roselle arriva “Perifair/periferie del bello”, mostra fotografica e contest su Instagram che vede la collaborazione del fotografo Carlo Bonazza.Organizzazione: Uscita di sicurezza e Wannago in collaborazione con Cooperativa Sistema Museo, associazione Maremmans, Instagramers gruppo Grosseto.

Dal 14 al 20 settembre anteprima della Notte visibile: eventi in piazza Tripoli a cura dell’associazione Amici di Piazza Tripoli. All’Aurelia Antica dal 18 al 20 settembre: le “Parole in centro” a cura dell’associazione Ottetto; “La bellezza della donna”, mostra di pittura di Debora Bernardi; “Live Painting”, performance a cura di Associazione Artistico Culturale Artefacto e sabato 20 settembre dalle 15.00 alle 20.00 “La Città dei Sogni”, laboratorio per i bambini e installazione a cura di Crattività.

Sempre nella settimana dal 13 al 20 settembre: Alle 18 del 14 settembre, inaugurazione della mostra d’arte degli studenti del Liceo artistico Luciano Bianciardi di Grosseto con accompagnamento musicale del Liceo musicale. Eventi alla libreria Palomar (il 19 settembre alle 21.30 Carlo Rispoli presenta il fumetto “Sangue sul lago Otsego”; il 20 settembre dalle 20.30 serata concerto con il Trio Evergreen e degustazione di vini; in centro storico la Confesercenti e l’associazione Ottetto organizzano Grosseto in gioco, rebus in vetrina: in ogni vetrina sarà esposto un rebus e chi lo risolverà avrà diritto a ritirare un piccolo premio nel negozio. Sempre nell’anteprima della notte visibile rientra Muramonamour: immagini, suoni, dibattiti nel baluardo della Fortezza dal 15 al 19 settembre. Il 19 settembre poi alla parrocchia dell’Addolorata “Ars Pulcherrima” concerto della Corale Gaudete con escursioni nella polifonia vocale sacra dal quattrocento a oggi.

Torna poi, sulla scia del grande successo dello scorso anno, la Notte visibile della Cultura che coinvolge il centro storico con decine di eventi tutti gratuiti e che sarà inaugurata il 20 settembre alle 18.00 con l’opening della mostra di Uliano Lucas al Museo Archeologico.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.