Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tra degustazioni e cinema torna il Clorofilla film festival

GROSSETO – Torna il Clorofilla in città. All’interno del progetto Muramonamour – Officine al Cassero dal 9 al 14 settembre una serie di appuntamenti che troveranno spazio nella cornice del Cassero Senese.

Si inizia martedì 9 settembre alle 21 con la proiezione dei cortometraggi in concorso, molti dei quali vincitori di importanti riconoscimenti nei festival di settore e in apertura alle 19.30 un aperitivo “fast” come si addice alla serata.

La giornata di mercoledì 10 settembre si apre con un aperitivo alle 19.30 con i prodotti delle terre confiscate alle mafie provenienti dalle cooperative che fanno capo a Libera, associazioni, nomi e numeri contro le mafie. La serata – in collaborazione con l’associazione di Don Ciotti- propone in programma un’opera prima che rappresenta un’alternativa cinica e disperata al tipo classico di denuncia antimafia: “Salvo” di Antonio Piazza e Fabio Grassadonia, Gran Premio della Giuria al festival di Cannes 2013.

Si rimane al sud giovedì 11 settembre con la storia di “Ci vorrebbe un miracolo” di Davide Minnella ambientata in Puglia: una commedia che ha vinto il Riff e il premio del pubblico a Maremetraggio che parla di inquinamento, superstizione e mare. Alle 19.30 anche in questo caso un piccolo aperitivo a tema con stuzzicherie pugliesi.

Mario Sesti parlerà del suo documentario “La voce di Berlinguer” -venerdì 12- realizzato insieme al musicista Teho Teardo e presenterà anche un extra dal titolo “Enrico Berlinguer: c’era una volta la politica”. Subito dopo un po’ di musica con il dj set di Giovanni Lino Ferretti.

Penultima giornata con una serata a tema con la Città visibile che si inaugura proprio sabato 13 settembre. Alle 21 la bellezza – tema di quest’anno- si declina nelle indagini del vicequestore Schiavone, personaggio del libro “La costola di Adamo” di Antonio Manzini, attore, sceneggiatore e ora anche regista dell’inedito “Zio Gaetano è morto”, che parlerà della sua attività di scrittore di gialli per Sellerio. A seguire un film d’animazione da non perdere: un lavoro collettivo ambientato a Napoli apprezzatissimo da critica e pubblico e presentato con successo in molti festival, “L’arte della felicità” di Alessandro Rak.
Domenica 14 settembre gran finale al Cassero prima di portare un po’ di clorofilla a Roma, Palermo e Firenze.

Info: cinema@festambiente.itmuramonamour@gmail.com

Ingresso 5 euro per le proiezioni – tutte le proiezioni iniziano alle 21 – porte aperte dalle 19

 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.