Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

L’attesa di Penelope nella mostra che vede protagonisti una pittrice e un filosofo

Più informazioni su

FOLLONICA – È stato il mito di Penelope ad unire la pittrice follonichese Sonia Chiti e il filosofo Antonio D’Alonzo, che ieri hanno presentato le proprie opere al Casello idraulico. Il ciclo di dipinti prende il nome di “Penelope mille odissee” mentre il libro di D’Alonzo è intitolato “Penelope o dell’attesa”. La particolarità della mostra è che i due artisti hanno scoperto quasi per caso di essere stati affascinati, in contemporanea, dal mito della moglie di Ulisse, e di aver deciso di dedicarle un lavoro, un lavoro che esalta la pazienza di questa donna antica e moderna, e l’attesa ventennale del ritorno del marito, il suo rifiutare, con una stratagemma, un nuovo marito, fedele sino all’inverosimile. I due artisti hanno voluto rivedere il suo mito in chiave moderna, e declinare la sua attesa in un mondo sempre più “fast” veloce.

“Un incontro di alto spessore culturale, nato dal fascino di una figura storica, Penelope, che è la sposa fedele di Ulisse – afferma il sindaco Andrea Benini – colei che attenderà il suo uomo tessendo una tela che la salverà dai dubbi e dalle paure del quotidiano. Sonia e Antonio – continua Benini – sono riusciti a creare una alchimia di intenti e di pensiero trasponendo la Penelope omerica ai giorni nostri, la donna forte, ieri come oggi, che vive suo malgrado la guerra, la paura della violenza e la determinazione di vivere e crescere suo figlio, l’attesa estenuante e angosciante per la pace e la libertà”.

Oggi, domenica 7 settembre, gli autori saranno presenti al Casello Idraulico per incontrare i visitatori e dialogare sulle opere (la foto di questo servizio è di Giorgio Paggetti).

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.