Quantcast

Manciano Comune aperto «Soldi dell’alluvione usati per ripristinare una strada in disuso»

MANCIANO – «L’amministrazione Galli non è in grado di provvedere alle manutenzioni delle numerose strade esistenti sul territorio lasciate in completo abbandono e riapre una nuova strada con soldi pubblici finalizzati al ripristino dei danni dell’alluvione del 2012». La lista civica Manciano comune aperto parla di una parte della strada del Saragiolo «che da Montemerano si collega a quella dei Pianetti. Una strada abbandonata e non utilizzata a memoria di uomo, della grandezza inferiore a tre metri dove non è possibile il transito a doppio senso e dove riteniamo che non può essere avvenuto nessun danno considerato che la stessa non è più in uso».

«L’amministrazione Galli ha finanziato il progetto dell’importo di circa 70 mila euro presumibilmente utilizzando fondi destinati al ripristino dei danni dell’alluvione del 2012 – proseguono i consiglieri della lista civica -. Riteniamo che si tratti solo di sperpero di soldi pubblici per un intervento che non ha nessuna utilità per i cittadini. Il gruppo di minoranza “Manciano Comune Aperto” aveva proposto di finalizzare l’importo per cambiare il percorso dell’ultimo tratto in uscita a Montemerano sulla provinciale. L’intervento avrebbe avuto doppia finalità: eliminare l’ultimo tratto di strada caratterizzato da continui smottamenti e frane che impongono opere di ripristino annuali, eliminare il pericolo dell’uscita all’incrocio con la provinciale prevedendo un nuovo tratto che si poteva collegare al parcheggio del cimitero creando un raccordo in sicurezza tra la strada del Saragiolo e la provinciale 159. La proposta fatta da Comune Aperto, avvallata da circa 200 firme di cittadini, ad oggi non ha riscosso nessun parere dall’amministrazione Galli».

 

Commenti