Un vescovo, un miracolo e una storia d’amore: spettacolo di burattini a Follonica

Più informazioni su

FOLLONICA – Una storia d’amore ricca di colpi di scena. Una fiaba da non perdere. Sabato 9 agosto alle 21.30 al giardino dell’ex Casello idraulico di Follonica torna Nuove Figure, il Festival di teatro di strada, di figura e per ragazzi. I bambini, le mamme e i papà, potranno godersi la storia di Poldino e di Orsola, «Il miracolo della mula» della compagnia Laborincolo di Perugia, e la regia di Gigio Brunello. Lo spettacolo è stato vincitore del prestigioso”Premio Eolo Awards 2013″ menzione speciale per il teatro di figura, il più importante a livello nazionale per il teatro per ragazzi. A precedere lo spettacolo, alle 17.30 al Casello idraulico di Follonica, ci sarà un laboratorio gratuito per bambini dai 5 ai 10 anni realizzato in collaborazione con Rilegno, il Consorzio nazionale del riciclo del legno e sponsor del festival: i bambini impareranno a riciclare il legno costruendo un simpatico burattino.

Il Festival coinvolge i Comuni di Montieri, Follonica, Monterotondo Marittimo, Massa Marittima e Scarlino, il Parco tecnologico archeologico delle Colline Metallifere e l’associazione Parco Centrale. Tre sono quest’anno i partner d’eccezione: Wwf Italia, l’associazione AsiniAmo di Scarlino e l’Associazione nazionale guide. L’ingresso allo spettacolo è gratuito. Ecco la storia: nel bel mezzo di una tempesta, il vescovo Simplicio attraversa il bosco a cavallo della sua mula Santuzza e si rifugia sotto a un grande albero di mele famoso per non aver mai dato un frutto. Tornato il sole, i due ripartono e fra le chiome, come per miracolo, compaiono le mele. Il giovane Poldino non crede ai suoi occhi: ora potrà cucinare la torta di mele e sposare la sua Orsola. Ma la Morte ci mette lo zampino e gli ruba la torta. Il giovane innamorato non si darà per vinto. Aiutato dal vescovo, monterà in groppa a Santuzza per scendere agli inferi, poi, travestito da Arlecchino, riuscirà a gabbare la Morte e a infiltrarsi nella dispensa e poi… Orsola!

 

Più informazioni su

Commenti