Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

EsterniScespiriani al Teatro delle Rocce: si apre il festival 2014

Più informazioni su

GAVORRANO – Si intitola EsterniScespiriani la prima rappresentazione della stagione 2014 del Teatro delle Rocce, messa in scena dalla Katzenmacher, la compagnia residente del teatro. L’ambientazione scelta è il cimitero, visto non come luogo di morte ma di vita e soprattutto di conflitti. Un po’ come avviene nell’Antologia di Spoon River dove i conflitti, invece di essere sopiti, sembrano ripetersi come in vita. «È ormai il quarto anno di collaborazione con il Teatro – ricorda Alfonso Santagata della Katzenmacher – In questi 4 anni abbiamo messo in piedi un laboratorio continuo con 25–30 persone coinvolte ragazzi, ma anche gente più grande, abbiamo anche due persone di 75 anni. Ogni anno cerchiamo di tirare dentro questi ragazzi perché si confrontino in una prova diretta con il teatro venendo con noi in scena. Quest’anno abbiamo scelto questi EsterniScespiriani, pensati come uno spettacolo itinerante, prendendo come protagonisti i personaggi di Shakespeare e il filo conduttore del cimitero che non credo sia il luogo della fine dove tutto si chiude, ma un’arena dove i conflitti ripartono come se queste figure Otello, Macbeth, tornassero dall’Ade».

EsterniScespiriani ci racconta la storia di Calibano, il dirigente responsabile del cimitero; comanda a bacchetta i becchini, controlla se lavorano, protegge il suo cimitero come fosse la sua isola… e di Ariel non si fida. Tutto è già accaduto: conflitti, sentimenti, emozioni; restano solo sapori e colori con l’ultimo canto che si ripete all’infinito. «Il teatro ha la capacità di inventare le “creature eterne”: Otello, Amleto, Riccardo, Lear, Desdemona, Ofelia; miti che consegnano la loro sfida agli uomini, alla natura e agli dei – prosegue Santagata -. Non moriranno mai, basta evocarli per farli tornare; nessuno ha il potere di ucciderli, di annientarli. Le creature evocate si prendono delle libertà, altre strade da quelle che hanno praticato nella vita, come se l’Ade avesse mutato il loro carattere». «Assumono ora il linguaggio dell’eroe tragico, portandolo a dimensioni gigantesche, titaniche, che rendono le loro cadute clamorose e memorabili – afferma ancora il regista -. La risalita alla luce produce mescolanza di tragico e comico, ricca di contraddizioni e ironie che hanno dato origine al teatro dell’assurdo. Non esistono barriere tra reale e fantastico, tra menzogna e verità, tra spirito e corpo, tra razionale e irrazionale, tutto è sullo stesso piano: poesia e follia si fronteggiano. La follia è spinta da una visione deformata della realtà, è capace tanto di minarla quanto di edificarla … Il vento prende il sopravvento…». EsterniScespiriani sarà replicata dal 1 al 5 agosto alle 21 al Teatro delle Rocce di Gavorrano. Ideazione e regia di Alfonso Santagata con Rossana Gay, Johnny Lodi, Daria Panettieri, Massimiliano Poli, Alfonso Santagata.

Posto Unico Intero Euro 8,00
Posto Unico Ridotto Euro 5,00
Gratuito da 0 a 6 anni
Ridotto da 6 a 18 anni e over 65

Per info: www.teatrodellerocce.it

Pagina Facebook: www.facebook.com/teatro.dellerocce

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.