Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Parchi: la Toscana fa un passo avanti. Approvata la nuova legge regionale

Più informazioni su

FIRENZE – I parchi, le aree protette e i siti toscani di interesse comunitario per i loro valori di biodiversità avranno presto un’unica legge regionale che li governa.

E’ stata approvata in giunta la proposta di legge “Norme per la conservazione e la valorizzazione del patrimonio naturalistico-ambientale regionale”, strumento normativo che riordina la materia di quel bene comune complesso che rappresenta circa il 17% della superficie regionale e che per la prima volta in Toscana adesso viene concepito come un “unicum”.

La proposta di legge, in modo originale rispetto al passato e al quadro normativo nazionale e di molte Regioni, si propone quale “testo unico” in materia.

Al suo interno si trovano le norme relative all’istituzione, alla pianificazione integrata e alla gestione dell’intero sistema delle aree naturali protette e dei siti di interesse comunitario per la tutela della biodiversità, la disciplina per la Vinca (Valutazione di Incidenza) nonché quella delle Guardie Ambientali Volontarie (GAV). Questo, in base a un principio di unitarietà delle politiche di tutela, conservazione e valorizzazione del ricco e variegato “Patrimonio Naturalistico Ambientale Regionale”.

Insomma, si tratterà di una disciplina completa, immediata, univoca e coordinata che consentirà la gestione integrata della molteplicità dei siti e delle realtà di interesse naturalistico ed ambientale presenti in Toscana, compresi i siti Natura 2000, che fino ad oggi hanno avuto separate e non sempre chiare modalità di gestione, valorizzando ed ampliando le competenze e la “regia” della Regione ed una più efficace governace sub regionale degli Enti Parco regionali e delle Province.

“Questa proposta – spiega l’assessore regionale all’ambiente Anna Rita Bramerini – attesa da due legislature nasce dall’esigenza di riordinare la materia dei parchi, delle aree protette e della cosiddetta rete Natura 2000, cioè i siti di interesse comunitario, che in Toscana sono molteplici ed hanno già un riconoscimento dettato dalle disposizioni comunitarie. Oltre alla necessità di conformare la materia alle novità normative europee e nazionali, avevamo quella di introdurre misure di semplificazione e di snellimento burocratico. Tutto con l’intenzione di rilanciare il sistema, creando uno strumento valido, insieme all’azione di tutela e conservazione dei beni naturalistici, per la promozione e la valorizzazione di queste aree, integrando la tutela dell’ambiente con il turismo, l’agricoltura, la ricerca scientifica e l’educazione ambientale”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.