Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Taglio dei pini nelle frazioni balneari, Rossi: «Per quale motivo a luglio?»

MARINA DI GROSSETO – Il taglio dei pini malati nelle frazioni balneari di Marina di Grosseto, ma soprattutto Principina a Mare, solleva ancora polemiche e domande. Non è un caso che il tema finisca anche in una interrogazione a risposta scritta nei confronti del sindaco Emilio Bonifazi e all’assessore Giuseppe Monaci, formulata dal capogruppo di Fratelli d’Italia -AN in consiglio comunale Fabrizio Rossi. Partendo dal presupposto che la stagione turistica nelle frazioni costiere è un importante volano per l’economia e per l’occupazione, e che l’abbattimento e il taglio all’interno della pineta era ampiamente previsto a causa dei noti problemi riscontrati in molti esemplari, Rossi chiede al sindaco e all’assessore: «Le ragioni per le quali il taglio dei pini ammalati o secchi viene effettuato nel mese di luglio, quando le frazioni ricevono il loro massimo incremento turistico e demografico, anziché prima dell’inizio della stagione estiva».

Una domanda che si aggiunge ad altre considerazioni, come il fatto che all’arrivo dei turisti è stata affissa una cartellonistica, previa ordinanza sindacale, che scoraggia il passaggio, la sosta e la permanenza nella pineta e che il taglio degli alberi all’interno della stessa è fortemente impattante per le modalità che vedono la presenza di mezzi pesanti, e quindi rumorosi, svolgere l’attività.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.