Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Concordia, vertice in prefettura. Martedì, forse, la partenza, poi la bonifica al Giglio

GROSSETO – Vertice in prefettura a Grosseto per affrontare la questione sicurezza in vista dell’ultimo viaggio della Concordia verso il porto di genova che presumibilmente inizierà martedì prossimo. A coordinare la riunnione di questa mattina, il prefetto Anna Maria Manzone.

Presenti all’incontro i prefetti di La Spezia e Livorno, i viceprefetti di Genova e Pisa e quelli di Lucca e di Massa Carrara, i questori di Grosseto, Genova, La Spezia, Livorno, il vice questore di Pisa e i capi di gabinetto delle questure di Lucca e Massa Carrara, il direttore Marittimo della Toscana, i comandanti provinciali dei Carabinieri di Grosseto e di Livorno, il comandante provinciale della Guardia di Finanza di Grosseto, i comandanti dei reparti operativi eeronavali della Guardia di Finanza di Genova e di Livorno, nonché rappresentanti del dipartimento della Protezione Civile e della società Costa.

Durante la riunione sono state definite le attività necessarie a garantire la sicurezza di tutte le fasi del trasporto dal Giglio al porto del capoluogo ligure.

Tra le misure adottate è stato previsto anche uno specifico servizio di vigilanza che verrà attuato da mezzi navali delle forze di polizia, che percorreranno una rotta parallela a quella del relitto, entro le 12 miglia, effettuando un pattugliamento lungo tutto il percorso, fino all’entrata nel porto di destinazione.

Bonifiche ambientali dopo la partenza del relitto – Una volta che la Concordia se ne andrà via dall’isola, sostenuta dal suo ‘ciambellone’ di trenta cassoni di acciaio e trainata da due rimorchiatori a prua ed altrettanti di supporto a poppa già arrivati al Giglio, subito inizieranno le operazioni di ripristino del fondo e dell’ambiente marino. Tutto dovrà tornare come era prima del naufragio ed avverrà senza soluzione di continuità, come era stato prescritto dalla conferenza di servizi del 15 maggio 2012. O meglio prima si darà corso ad una serie di operazioni preliminari e poi, presumibilmente ad ottobre, partirà il piano di ripristino vero e proprio, che durerà due anni e per cui Costa Crociere dovrà affidare un incarico ad un’impresa o ad un consorzio di imprese.

“Costa dovrebbe presentare il piano entro agosto” dice Maria Sargentini, dirigente della Regione e presidente dell’Osservatorio. Il piano dovrà essere valutato dall’autorità competenti. “Intanto le operazioni preliminari sono già state previste ed autorizzate” prosegue Sargentini. Come già si sa che il monitoraggio delle acque e dell’ambiente del Giglio andrà avanti per cinque anni, ben oltre le operazioni di ripristino.

Appena la nave se ne sarà andata via, sarà subito effettuata una nuova mappatura dei fondali che sarà condotta da esperti dell’Università “La Sapienza”, gli stessi che lo stanno facendo dall’estate di due anni fa. Saranno rimossi tutti i possibili residui di cantiere e di lavorazione presenti sul fondo del mare, smantellate le undici torri del cantiere ed effettuate le prime prove per togliere i 1370 sacchi di malta cementizia che sono serviti, dopo il raddrizzamento dello scorso settembre, a creare quel ‘materasso’ su cui è stata adagiata la chiglia e la pancia della nave.

Per verificare lo stato dei sacchi l’Osservatorio ha chiesto ieri una prima ispezione attraverso uno dei ‘rov’ che già operano attorno alla nave naufragata. Sarà effettuata nei prossimi giorni. “La loro rimozione – dice ancora Sargentini – è infatti uno dei punti più delicati delle fasi di rimozione delle installazioni di cantiere preliminari al ripristino dell’ambiente marino”.

Tra le attività previste c’è anche la ripulitura di una parte del fondale dai gusci delle cozze, non autoctone, arrivate con uno dei mezzi di supporto al cantiere e che, essendo mitili di mari freddi, sono poi morti e precipitati sul fondo. L’operazione è già stata autorizzata dall’Osservatorio a marzo.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.