Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

A 400 anni dalla morte Porto Ercole inaugura il parco funerario di Caravaggio

PORTO ERCOLE – Venerdì 18 luglio, giorno dell’anniversario della morte di Michelangelo Merisi avvenuta a Porto Ercole nel 1610, si celebrerà nella frazione argentarina un evento destinato a restare nella sua storia. Grazie alla Fondazione Caravaggio, all’amministrazione comunale ed alla Pro Loco di Porto Ercole, verrà inaugurato il parco monumentale funerario di Caravaggio con una serie di cerimonie che si protrarranno per tutta la giornata. L’arca funeraria che conterrà i resti del celebre pittore è  collocata in un’area verde sita tra Via Nuova e via Principe Umberto.

Il taglio del nastro avrà luogo alle ore 11.30 assieme al deposito dei resti mortali ed alla cripta funeraria, alla presenza del sindaco Arturo Cerulli ed al presidente della Fondazione Caravaggio, Silvano Vinceti.

Alle ore 19.00, nella piazzetta Caravaggio, terza edizione del Premio Caravaggio “Artisti in erba”, concorso di disegno e fotografia riservato ai giovani studenti dell’Argentario, alle 21.30 inaugurazione notturna del parco monumentale funerario di Caravaggio e mostra sulla ricerca dei resti mortali del pittore che sarà esposta dal luogo di sepoltura alla Piazzetta Indipendenza. In questa stessa piazzetta, alle ore 22.00, concerto del trio di musica classica barocca “Ensemble Silva Sonora”. Si passa quindi alle ore 22.30, orario in cui è prevista la proiezione del documentario “Caravaggio il corpo ritrovato” della National Geographic con introduzione di Marco Visalberghi, regista del programma e vincitore del Leon d’Oro del recente Festival di Venezia., L’intensa giornata si concluderà alle ore 23.15con la “Maddalena in estasi di Caravaggio” interpretata e attualizzata da Andrea Angione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.