Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Capriolo investito e finito a sassate, Lav: «Responsabile la caccia di selezione»

Più informazioni su

GROSSETO – «L’episodio del capriolo travolto da un’auto a Nomadelfia e lasciato senza soccorsi da chi avrebbe avuto per legge il dovere di attivarsi e l’ancora più grave supposizione che si sia tentato di finirlo a sassate è un fatto tremendo che lascia tutti allibiti» afferma la Lav provinciale. «Dobbiamo però ricordare che la caccia di selezione al capriolo in provincia di Grosseto è aperta e proseguirà fino al 15 luglio per riaprire il 15 agosto. Proprio la fuga di animali durante la caccia di questo tipo, consentita fino a un’ora dopo il tramonto, può mettere a rischio gli automobilisti, inducendo caprioli e cinghiali a corse disperate che possono durare per ore e incrociare le strade. Questo è quindi un ulteriore elemento di pericolo generato dalla caccia che al contrario cerca di presentarsi come attività di prevenzione» (a fianco, giovane capriolo. Immagine di repertorio).

«I cittadini nel momento in cui si indignano per fatti come quello del capriolo di Nomadelfia devono ricordare tutte quelle vittime uccise legalmente dai cacciatori e anche le vittime umane dirette e indirette della caccia e dei cacciatori, ancora purtroppo difesi da leggi che consentono di sparare ad animali inermi e di entrare in proprietà private – dichiara Giacomo Bottinelli, responsabile LAV Grosseto -. Superare la caccia, anche quella di selezione e contenimento, e rivolgersi ai metodi non cruenti per il controllo delle specie, è l’unica via civile che una società possa percorrere nel momento in cui riconosce all’altro il diritto alla vita e a non soffrire. E questo per la sicurezza di tutti, automobilisti compresi».

«La LAV nel 2013 – senza alcun contributo economico pubblico, ma esclusivamente con proprie risorse – ha accolto e inviato al Crasm di Semproniano 213 animali selvatici in difficoltà e ha un numero sempre attivo (3285639980) per le segnalazioni dei cittadini – conclude Bottinelli -. Contattando la LAV i volontari si attiveranno per ricevere l’animale e provvederanno nei tempi più brevi alla consegna al centro di recupero».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.