Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Calcio dilettanti: tiene banco il problema della divisione dei gironi foto

Più informazioni su

di Lorenzo Falconi —

GROSSETO – E’ intervenuto personalmente nella riunione Figc di Grosseto, per dare un segnale forte verso il calcio maremmano. Fabio Bresci presidente Figc Toscana, ha cercato di sedare i mal di pancia di cui soffrono le società della provincia di Grosseto. La questione più spinosa, riguarda la suddivisione per giorni che riguarda soprattutto le squadre di prima e seconda categoria, costrette a “traslocare” in altre province con tanti chilometri in più da coprire. La vicinanza con l’Isola d’Elba poi, completa il quadro della zona maremmana con alcune società che vedono aumentare i costi per le trasferte e, di questi periodi, non è certo cosa gradita anche in fatto di bilanci. La questione è comunque annosa e tende a riproporsi all’inizio di ogni stagione calcistica. Bresci ha cercato quindi di tastare il polso alle società maremmane, ma è fuori dubbio che una soluzione netta non pare esserci all’orizzonte, se non quella di “sacrificare” alcune squadre della provincia di Grosseto.

Altro tema trattato è stato quello arbitrale, dato che anche in fatto di calcio giovanile, il territorio grossetano è finito di recente sui quotidiani di carattere nazionale. Per questo all’incontro Figc è intervenuto anche Matteo Trefoloni, ex arbitro rieletto proprio nella giornata di ieri presidente del Cra Toscana per il quarto anno consecutivo. L’invito, a tal proposito, è quello di una maggiore educazione in campo e fuori, nei confronti dei direttori di gara, unita alla raccomandazione di fair play che troppe volte si palesa come un gesto di facciata. Nel contempo sono state premiate due società grossetane per la coppa disciplina provinciale 2013-14: il Saurorispescia negli allievi e giovanissimi fuori classifica, l’Invicta Grosseto Calcio Giovani nei giovanissimi. Ultimo monito di Bresci alle società dilettantistiche maremmane, è stato quello di non “abboccare” alle sirene del calcio professionistico, secondo un’usanza tipica della zona, ricordando che comunque la Toscana è osservatorio per tante altre regioni che spesso prendono esempio. Alla riunione, oltre a Bresci e Trefoloni, hanno partecipato il delegato Figc provinciale Agide Rossi, il vice presidente Figc Toscana Bruno Perniconi, il vice presidente vicario Figc Toscana Vasco Brogi, il consigliere regionale Figc Toscana Gianni Canuti.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.