Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Riaqpre domani il museo della vite e del vino di Roccastrada

Più informazioni su

ROCCASTRADA – Apre ufficialmente domani, sabato 5 luglio alle ore 19, il Museo della vite e del vino di Roccastrada che funzionerà anche da infopoint turistico e centro di valorizzazione dei prodotti del territorio.

Questa estate la riapertura è stata resa possibile grazie alla collaborazione tra Comune e Comitato Festeggiamenti Pro Loco Roccastrada, che gestirà il Museo. Prezioso anche il contributo, poi, del Consorzio CCN Roccastrada La Tua Bottega, dell Comitato Festa nell’Aia e della Strada del Vino e dei Sapori Monteregio.

“Diamo di nuovo ai cittadini e ai turisti un luogo importante e suggestivo – spiega Francesco Limatola, sindaco di Roccastrada – che vuole raccontare i sapori e la storia del nostro territorio. E lo faremo grazie alla preziosa collaborazione con le associazioni di volontariato che rendono ricco e vitale la nostra comunità. Come avevamo detto in campagna elettorale, saranno loro i nostri consulenti permanenti nella pianificazione delle azioni di promozione del territorio.”

Il museo è stato realizzato dal Comune di Roccastrada con il duplice obiettivo di valorizzare la storia della viticoltura nella zona e far conoscere l’attività produttiva attuale, le tecniche e gli strumenti in uso. Ubicato nel centro storico del paese, è ricavato dall’antica “Galleria dei Colò” le cui caratteristiche fisiche, gli spazi imponenti, le gallerie scavate nella roccia, ne fanno una struttura di per sé vocata a tale destinazione.

“Il Museo è un tassello importante del progetto cui abbiamo dato il nome Roccastrada Doc – continua Limatola -: una strategia di comunicazione che offra le nostre risorse ricettive e i nostri prodotti di qualità nelle forme qualitativamente migliori. Vogliamo mettere insieme tutte le imprese dell’accoglienza che già fanno azioni individuali e riportarle, senza cercare di omologarle, in un sistema comune.”

L’ingresso al Museo, nella piazza dell’Orologio, accoglie i visitatori con pannelli esplicativi, foto, reperti storici e testimonianze di vecchi contadini. Proseguendo si ammirano tutte le etichette della dei vini della zona fino a giungere alla terrazza esterna da cui la vista spazia su un panorama unico, di campagne, colline, paesi medievali e macchia mediterranea. Scendendo pochi gradini scavati nella viva roccia trachitica, si accede poi alla cantina sotterranea dove è stata ricostruita la galleria  di una miniera e sono custoditi gli antichi strumenti contadini a simboleggiare le due principali attività economiche della zona: l’agricoltura e l’escavazione di minerali.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.