Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tasse, orari e visione della città: vertice tra vicesindaco e artigiani. «Prove di dialogo»

Più informazioni su

GROSSETO – Tributi locali e tassazione al centro dell’icontro tra i rappresentanti della Cna e il vicesindaco Paolo Borghi, assessore al bilancio del comune di Grosseto.

Una confronto per guardare al futuro e aprire un dialogo nonostante il bilancio già approvato e le scelte fatte in termini di aliquote di Tasi e Tari.

«Se sulle scelte passate (manovra di bilancio e Tasi) le posizioni sono rimaste distanti, sono apprezzabili le ‘prove di dialogo’ su Regolamento e Tari – ha detto Renzo Alessandri».

Del tutto condivisibili, poi,  le preoccupazioni legate alla riforma del Catasto “rapportare i valori catastali ai valori di mercato, senza introdurre i necessari correttivi sarebbe devastante – ha detto il vicesindaco Borghi – l’Amministrazione condivide la necessità di una perequazione e sosterrà le vostre ragioni».

Quello dei tributi, pur essendo uno dei temi più importanti, non è stato l’unico motivo di confronto».

«Paolo Borghi – da detto il presidente Breda in apertura di riunione – non è solo l’assessore al bilancio è anche il vice sindaco della città. Di conseguenza ha una visione generale e svolge un ruolo che va oltre i confini del suo assessorato. Di conseguenza – ha sottolineato Breda – intendiamo porre alla sua attenzione l’insieme dei problemi che sono in questo momento sul tappeto».

L’elenco non è stato breve: dalla liberalizzazione degli orari alla estromissione delle associazioni dalla Commissione Pip, dagli effetti della pedonalizzazione sugli operatori del centro storico – banalmente i taxi – alla ristrutturazione di piazza della Stazione, dagli annosi e irrisolti problemi della zona artigianale “Stati e Nazioni” (attuazione sensi unici, collegamento con l’area al di la della ferrovia) a quelli che frenano il Pip nuovo e di recente assegnazione (discarica abusiva di inerti in primis).

L’ultima sollecitazione, quella dell’assegnazione dei lavori e della cosiddetta sussidiarietà (il pubblico non faccia direttamente, ciò che può essere affidato al privato).

Lungo e articolato il ragionamento del vice sindaco.

Partendo dal dato positivo di un consistente avanzo di amministrazione ha detto di «condividere sia l’utilizzo delle procedure negoziate che il principio della sussidiarietà e illustrando le iniziative in itinere ha sottolineato le ricadute – manutenzioni e lavori pubblici – che l’utilizzo di tali somme potrà determinare».

Sui temi più generali posti alla sua attenzione, ha assicurato il proprio interessamento e il proprio impegno. Concludendo i lavori della serata, il presidente Breda, ha proposto un nuovo incontro entro il mese di settembre.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.