Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Case-rifugio per le donne maltrattate: sostegno dalla cena di beneficenza

Più informazioni su

GROSSETO – E’ stata una piacevole serata, che ha unito la convivialità e l’amicizia alla solidarietà, la cena di beneficenza organizzata mercoledì sera, nell’elegante cornice dell’hotel Airone di Grosseto, per sostenere la Fondazione Sasso di Maremma – nata nel 2006 dall’incontro fra don Virginio Colmegna, fondatore a Milano della Casa della Carità, e don Enzo Capitani (nella foto) -, la cui missione è promuovere iniziative di carattere sociale e socio-assistenziale per persone con differenti forme di disagio e di sofferenza. Alla cena di beneficenza hanno partecipato 120 amici della Fondazione, che hanno contribuito a donare oltre 11mila euro, che saranno utilizzati per sostenere le attività delle due strutture di accoglienza per donne maltrattate e per i loro figli: “Casa Le Pille” a Poggi del Sasso e quella realizzata a Monticello Amiata. Le strutture sono entrambe accreditate e attualmente accolgono circa 20 donne e 15 bambini, che hanno la possibilità di vivere un’esperienza di comunità accogliente dopo le violenze e i maltrattamenti subiti.

“Non siamo noi ad aiutare delle donne in difficoltà – hanno detto don Enzo e don Virginio all’inizio della cena, per salutare e ringraziare i tanti amici intervenuti -; sono loro che ci stanno regalando una misura della vita che può interrompere la violenza e lavorare sulle radici, sulle motivazioni, sul senso del vivere. Crediamo che faccia bene, nel mondo in cui viviamo,  graffiare un po’ le nostre indifferenze e rimettere in gioco speranza. Quando insieme abbiamo pensato a questa Fondazione – hanno continuato i due sacerdoti, impegnati da sempre su tutti i versanti della carità e del sociale – non abbiamo mai immaginato di dare vita a strutture di sola ospitalità, ma ad ambienti che fossero capaci di generare legami di solidarietà, che ci fanno avvertire che in fondo è possibile non essere solo travolti dalle cattive notizie. In un periodo come questo, carico di tante forme di violenza a partire dal femminicidio, con l’esperienza della Fondazione vogliamo dire che è ancora possibile raccontare buone notizie”.

Alla cena sono intervenuti, fra gli altri, il vescovo Rodolfo Cetoloni, il sindaco Emilio Bonifazi, il presidente della Provincia Leonardo Marras ed il presidente del Monte dei Paschi di Siena, Alessandro Profumo, che insieme alla moglie Sabina Ratti ha creduto fin dall’inizio nei progetti della Fondazione Sasso di Maremma e ha contribuito all’avvio e al consolidamento delle sue strutture. “Un ringraziamento particolare – dice don Enzo Capitani, a nome dell’intero cda della Fondazione – va all’ingegner Mario Salvestroni, presidente di Assindustria Grosseto, per il suo contributo e premura nell’organizzazione della serata. La risposta della città è stata bella, generosa, incoraggiante e questo ci fa davvero piacere e ci fa sentire profondamente ancorati a questa terra”. Chi volesse contribuire alle attività della Fondazione Sasso di Maremma, può effettuare un versamento utilizzando l’Iban: IT 60 G 01030 14300 000004005526.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.