Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

«Da mesi senza telefono», imprenditore denuncia la compagnia telefonica ai carabinieri

Più informazioni su

FOLLONICA – «Nonostante le migliaia segnalazioni che abbiamo fatto a partire da quando ci siamo trasferiti nella sede di via Aurelia 41 a Follonica, cioè circa 12/13 anni fa, i disservizi continuano». A parlare è Stefano Venturi, amministratore della Emex Engineering srl, società che lavora nel settore vitivinicolo sia in Italia che all’estero. «Le nostre linee telefoniche sono instabili in quanto a intervalli regolari di un paio di settimane non riusciamo né ad effettuare né a ricevere chiamate. Ogni volta che abbiamo fatto una segnalazione di guasto si sono presentati i tecnici della Telecom o della Telefon2 (la ditta incaricata da Telecom per la riparazione dei guasti), ma i loro interventi sono stati solo provvisori in quanto dopo pochi giorni le linee si interrompevano di nuovo. Da quest’anno, non so perché, la situazione è addirittura peggiorata».

Venturi, dopo mesi di disservizi, si è rivolto ai carabinieri sporgendo denuncia per “interruzione di pubblico servizio”, visto che dal 7 maggio data dell’ultima richiesta di intervento, la Telecom non si è più “fatta viva”.

«Dopo la nostra ultima segnalazione e la relativa denuncia del 20/05 scorso (ai carabinieri ndr), non si è presentato più nessun tecnico e le nostre linee sono ormai abbuiate da settimane, nonostante avessimo ricevuto un sms con garanzia di intervento tempestivo – prosegue l’amministratore -. A quanto ci hanno detto i tecnici che via via negli anni sono intervenuti il problema tecnico è che per raggiungere la nostra azienda è stato fatto un ponte dalla cabina centrale della zona industriale ma questo ponte, non essendo interrato e non essendo realizzato decentemente provoca sempre interruzioni della linea. I tecnici stessi hanno ammesso che per Telecom è un intervento troppo oneroso, nonostante noi avessimo dato la nostra disponibilità ad effettuare gli scavi all’interno della nostra proprietà con nostri mezzi, per venire loro incontro».

«Superfluo dire dei disagi e i danni economici incalcolabili che questa situazione ci sta causando con perdite di potenziali vendite e nuove commesse di nuovi clienti – prosegue il titolare della Emex -. Siamo costretti, nostro malgrado a far valere i nostri diritti in ogni sede legale anche se questo dovesse impegnarci per mille anni. Ormai è una questione di principio»

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.