Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Studentessa maremmana vince il premio Bolis. Prima in tutta la Toscana

FIRENZE – E’ Martina Guadalti, giovane studentessa di Magliano in Toscana, la vincitrice del Premio Bolis 2014 -”Cittadini europei, cittadini del mondo”, dedicato a Luciano Bolis, antifascista e federalista europeo, medaglia d’oro della Resistenza. Martina, che frequenta la 5° C del Liceo Rosmini di Grosseto, è arrivata prima tra oltre 100 studenti provenienti da tutta la Toscana ed appartenenti a 20 diversi istituti superiori. Ed è stata premiata in Consiglio regionale, nel giorno della Festa dell’Europa. Premiate insieme a lei altre 3 studentesse della provincia di Grosseto che frequentano la 5° C del Rosmini: Ileana Cicerone, di Capalbio, che è arrivata ottava, Camilla Garosi ed Elisabetta Camorrino, entrambe di Grosseto, che sono arrivate rispettivamente 43° e 44°. Con il Premio Bolis, i primi 50 studenti classificati – e tra questi le 4 ragazze della provincia di Grosseto – parteciperanno ad un seminario sull’Europa che si svolgerà a luglio nel Parco delle Apuane.

“Il Premio Bolis – spiega Marco Sabatini, vicepresidente della Provincia – nasce per diffondere una cultura europea nelle giovani generazioni. E’ un premio di prestigio, giunto ormai alla tredicesima edizione, promosso dall’Aiccre, l’associazione che riunisce tutti il livelli di governo locale: Comuni, Province e Regioni. E’ per noi motivo di grande orgoglio avere ben 4 studentesse del territorio tra i 50 ragazzi che faranno l’esperienza europeista. Un plauso, quindi, alle insegnanti del Rosmini, Rossella Chessa e Cristina Citerni, che hanno seguito il progetto, e ovviamente alle studentesse per l’ottimo risultato raggiunto”.

“Queste 4 giovani donne – aggiunge Cinzia Tacconi, assessore provinciale alla pubblica Istruzione – sono un modello positivo, sono la testimonianza di una provincia vitale, di un territorio che sa esprimere grandi eccellenze in diversi settori, a partire dalla scuola. Auguro a Martina, Ileana, Camilla ed Elisabetta di far tesoro di questa bella esperienza, e magari di suscitare nei propri coetanei, attraverso il racconto, l’interesse e la voglia di saperne di più sull’Europa”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.