Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Monica Faenzi si presenta: «Non sono la velina di Berlusconi, risponderò solo agli scarlinesi» foto

di Daniele Reali

SCARLINO – Il coraggio di cambiare. Monica Faenzi sceglie ancora lo slogan che la accompagnò durante la campagna elettorale per le regionali del 2010. Uno slogan che parla di cambiamento e che dà il nome alla lista che sosterrà la candidatura della parlamentare azzurra a sindaco di Scarlino.

Nel giorno della sua presentazione ufficiale e dell’apertura della campagna elettorale la Faenzi non risparmia i primi attacchi graffianti di questa sua nuova corsa per la guida di un comune maremmano.

«I politici devono stare vicino alla gente. Io ho accettato di correre a Scarlino perché da sempre amo stare vicino al popolo e fare il sindaco è una delle cose che mi piace di più. Sono nata sindaco, se così si può dire».

È carica Monica Faenzi che alla sfida elettorale contro il centrosinistra di Marcello Stella e contro il Movimento 5 Stelle di Marco Mazzei, sarà sostenuta da Forza Italia, Udc, Fratelli d’Italia e dalle liste civiche “Caccia, Pesca e ambiente”, “Scarlino Insieme” e “La Rinascita di Scarlino”.

«Quello che conta – ha detto la Faenzi – non sono tanto i partiti, l’importante è amministrare bene». E poi replicando alle voci sulla sua scarsa presenza in comune una volta eletta sindaco, la Faenzi ha lanciato la sua prima stoccata. «Chi vi dice che non ci sarò mai, dice una bugia. Io sarò qui al vostro fianco e garantirò massimo impegno. Non sono la velina di Berlusconi e quando faccio il sindaco nessuno mi dice quello che devo fare. Con gli scarlinesi voglio fare un patto di sangue: ascolterò solo loro.»

Nei confronti degli avversari pochi riferimenti. «Il problema qui non sono né Bizzarri né Stella, piuttosto la presenza dei politici nell’area industriale: contano più del sindaco».
Parlando poi del programma la parlamentare di Forza Italia ha illustrato anche alcune linee guida del suo programma. «In dieci anni a Castiglione ho risolto tutti i problemi più grandi. Lo possiamo fare anche qui iniziando dalla salute e dallo sviluppo turistico del territorio». La questione ambientale e i problemi dell’inquinamento saranno una priorità per la sua agenda di governo.«Voglio fare quelle battaglie fondamentali – ha detto – per la salute degli scarlinesi. Non voglio creare conflitto tra industria, artigianato e turismo. ma dobbiamo sapere con certezza e tutti i giorni se respiriamo aria buona: pretenderemo controlli severi».

Alla iniziativa elettorale, ospitato a Scarlino Scalo nella sala Auser, erano presenti anche i rappresentanti delle forze che appoggiano questo nuovo progetto politico: Luigi Strianese di “Caccia, Pesca e Natura”, Francesca Travisan, Udc, Giacomo Magagnini di “Scarlino Insieme”, Mauro Ontani per “La Rinascita di Scarlino”, Salvatore Aurigemma di Fratello d’Italia, Luciano Giulianelli di Forza Italia. Tra i partecipanti anche il segretario provinciale Udc Jacopo Tonelli e il coordinatore provinciale di Fratelli d’Italia Fabrizio Rossi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.