Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Passo avanti per la doc Maremma Toscana: oggi è nato il consorzio di tutela

Più informazioni su

di Daniele Reali (twitter @Daniele_Reali)

GROSSETO – Un marchio già affermato prima di nascere e un valore aggiunto per il territorio e le produzioni. Oggi la doc Maremma Toscana, inseguita per anni e nata nel 2011, compie un altro passo in avanti: è nato a Grosseto per volontà di 9 promotori in rappresentanza dei produttori della provincia di Grosseto il Consorzio di tutela della denominazione d’origine controllata Maremma Toscana.

Si tratta di una produzione che a poco tempo dalla nascita conta 30 mila ettolitri di vino prodotti . «Si tratta di un momento di svolta per la nostra viticoltura – commenta Leonardo Marras, presidente della Provincia di Grosseto – con la nascita del Consorzio dei vini della Maremma Toscana sarà possibile portare avanti politiche di tutela più efficaci, e stare con maggiore forza sui mercati. Il Consorzio è il risultato dell’impegno comune di Istituzioni e aziende private. Un percorso in cui la Provincia ha creduto fin dall’inizio con determinazione, cercando di superare anche le iniziali diffidenze di alcuni produttori che oggi riconoscono la validità e l’importanza sia della denominazione, sia del Consorzio».

A firmare l’atto costitutivo, in rappresentanza di tutto il comitato promotore, formato da associazioni di categoria, cantine cooperative e consorzi di tutela di altre denominazioni, sono stati: Osvaldo Allegro, presidente della cantina cooperativa “I Vini di Maremma”, nominato temporaneamente presidentedel consorzio appena costituito in attesa dell’assemblea; Fiorella Lenzi, proprietaria dell’azienda agricola Serraiola dell’area Monteregio di Massa Marittima, nominata vicepresidente del consorzio; Renato Finocchi, presidente della cantina cooperativa di Pitigliano; Adio Assunto Marretti, presidente della cantina cooperativa Agrimaremma; Benedetto Grechi, presidente della Cantina cooperativa dei Vignaioli del Morellino di Scansano; Michele Zonin in rappresentanza dell’azienda Rocca di Montemassi; Simona Ceccherini proprietaria dell’omonima azienda; Giuseppe Mantellassi, della Fattoria Mantellassi; Giovan Battista Basile, dell’azienda Basile. Il prossimo passo sarà la nomina dell’assemblea per avere la più ampia adesione di produttori.

Tra i compiti del Consorzio, la tutela del marchio, la definizione dei piani di miglioramento della qualità del prodotto, la formazione, commerciale, la cura dell’immagine, l’assistenza tecnica e professionale alle aziende e ai produttori,il coordinamento sul mercato. Infine la promozione e valorizzazione di percorsi culturali ed enogastronomici.

“L’obiettivo – conclude Leonardo Marras – è quello di promuovere la massima adesione, fino a raggiungere una rappresentatività di oltre il 60% dei produttori di Doc Maremma, in modo da ottenere il riconoscimento erga omnes. Questo consentirà al Consorzio di imporre politiche di tutela anche a chi non è associato, attuando così un controllo totale sulla Doc, che ha raggiunto, oggi, numeri importanti, con una produzione annuale che sfiora i 100mila quintali di uva e i 67mila quintali di vino”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.