Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Alcolismo giovanile «A Grosseto c’è un problema reale». Ecco come risolverlo

Più informazioni su

GROSSETO – «A Grosseto esiste un problema reale fra giovani ed alcol non ultimo l’episodio del tredicenne e ancor prima il caso della ragazza in coma etilico espressioni di un disagio sociale grave e persistente in cui spesso è complice la collettività che li relega a svolgere un ruolo marginale e privo di credibilità». A parlare sono Rita De Lilla e Giuseppe Corlito, rispettivamente medico e psichiatra alcologo dell’Acat, i Club Alcologici Territoriali formati da famiglie e servitori insegnanti (facilitatori formati e continuamente aggiornati). Nella città capoluogo i club sono 18, distribuiti nei vari quartieri, periferia inclusa, con una percentuale di un Club ogni 5000 residenti.

«Qui le famiglie con problemi alcol-correlati e complessi unitamente con i servitori insegnati si impegnano a fare un percorso del tutto gratuito – affermano Corlito e De Lilla -, fruibile nell’immediato, dove la solitudine, l’omertà, la vergogna e la conseguente emarginazione lasciano il posto alla dignità della persona, alla comprensione, al sostegno reciproco facendo leva sul valore esperienziale delle famiglie che quel percorso di dolore e solitudine lo hanno già fatto (Metodo Hudolin). Il riscoprire la dimensione umana e il senso della vita è il valore aggiunto del Club a cui si somma la reciprocità e la sussidiarietà: reale, vera e fattiva , non vuota apparenza cristallizzata in sigle asfittiche ,titoli e cariche professionali».

«L’adolescente con problemi alcol correlati che minaccia di uccidersi è un caso complesso dove giocano più fattori, e che sicuramente necessita di interventi multipli – proseguono i due medici -, ma non può e non deve diventare un pesante, fastidioso fardello per la collettività giustificato da ipocrite riflessioni: “la scuola dov’è? le istituzioni dove sono? la famiglia che fa?… si sa è un extracomunitaro!”. Ma se è vero che è un caso particolare noi siamo comunque responsabili perché Noi siamo la scuola, Noi siamo le istituzioni e Noi siamo la sua Famiglia».

La sede dell’Acat è presso Centro Documentazione degli Stili di Vita Inghilterra 45 Tel. 0564 4551126 e-mail: acatgrosseto@virgilio.it. Coordinatore ACAT Nord: N. Carosi Coordinatore ACAT Sud: G. Sammaritano.

 

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.