Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Si è conclusa con successo l’ultima esercitazione della Folgore e del Savoia nei boschi della Maremma foto

GROSSETO – Si è conclusa in Maremma la complessa esercitazione per la valutazione e validazione della Initial Operational Capability di “Savoia Cavalleria” come unità di cavalleria paracadutisti.

In uno scenario simulato di una crisi internazionale, i Reparti della Folgore si sono esercitati per circa 10 giorni nelle attività operative tipiche delle unità Paracadutisti sul terreno quali ad esempio pattuglie di controllo del territorio e pattuglie di combattimento, sorveglianza e presidio di obiettivi sensibili, ma anche nelle procedure di Comando e Controllo degli Staff di Comando.

In particolare l’inizio delle attività del “Savoia” è avvenuto tramite l’aviolancio operativo dei primi cavalieri Paracadutisti, per altro integrato anche dall’ aviolancio di mezzi e materiali quali le motociclette Cagiva in dotazione al Reparto e che trovano largo impiego per questo tipo di Unità.

L’esercitazione ha rappresentato altresì un banco di prova molto importante per testare l’acquisita capacità di cooperazione fra tutti i Reparti della Brigata Folgore fra i quali, oltre al 8 Reggimento Genio Guastatori Folgore, tutti i neo acquisiti ovvero il Savoia Cavalleria (3°), il 185° artiglieria paracadutisti ed il 6° reggimento logistico.

In sintesi, si è trattato di un’esercitazione estremamente realistica e, visti i risultati addestrativi conseguiti, altamente proficua. “Savoia” ha superato a pieni voti il suo primo impegnativo esame sotto la “Folgore”, compiendo un passo importante verso la sua completa evoluzione in reggimento di cavalleria paracadutisti.

Queste esercitazioni continuative permettono altresì anche di svolgere un accurato controllo del territorio, soprattutto in aree isolate e poco frequentate: sono state infatti individuate alcune discariche abusive e sono state rinvenute delle targhe di autovetture rubate. Un’altra dimostrazione, insomma, che la “Folgore” e l’Esercito sono veramente una risorsa per il Paese.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.