Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Scende in campo Daniele Baldi con lui Udc Ncd, Fratelli d’Italia. «Progetto ancora aperto»

FOLLONICA – È Daniele Baldi il candidato sindaco della lista civica che a Follonica unisce appartenenti ad alcuni partiti e movimenti politici della città del Golfo. «La mia candidatura a sindaco di Follonica nasce da un grande e profondo senso di appartenenza alla comunità. Fare il sindaco di Follonica è la mia massima aspirazione di servizio – afferma Baldi -. La mia disponibilità si è concretizzata nella nascita di una lista civica costituita da cittadini che fanno riferimento a Udc, Nuovo Centro Destra, Fratelli d’Italia, che confido possa diventare un contenitore per altre forze politiche e civiche che intendono condividere e sostenere questo progetto di rinnovamento. Prima fra tutti, Forza Italia».

«Dal 2001 al 2003 sono stato presidente del Tennis Club Follonica: insieme a un gruppo di appassionati avevo sognato la Coppa Davis al Palagolfo, ci siamo riusciti e ho ancora negli occhi le tribune piene di persone entusiaste per le gesta vincenti dei nostri azzurri – ricorda Baldi -. Follonica ha bisogno di fare uno scatto in avanti, servono energie nuove, persone di passione e di valore che sappiano coinvolgere e motivare i nostri talenti e con loro elaborare nuovi ambiziosi progetti di crescita. Follonica e i suoi cittadini meritano molto di più e io mi impegno ad essere uno degli elementi di impulso ad un rinnovamento culturale, valoriale, economico e sociale».

«Sono convinto che le doti più importanti che deve avere chi è chiamato al governo di una comunità siano due: una innata predisposizione all’ascolto, libero, non condizionato da preconcetti ideologici o interessi particolari, e una grande responsabilità di assumersi l’onere e l’onore di decidere sempre nell’interesse dell’intera collettività. Il rinnovamento che stiamo progettando deve essere connotato da un programma originale e creativo, ma soprattutto dalle persone nuove che vorranno mettersi in gioco con entusiasmo e generosità. Non voglio fare riferimento all’inflazionato concetto di rottamazione, ma dobbiamo aver ben presente un assunto consolidato: non si possono risolvere i problemi se non si cambiano le persone che hanno contribuito a crearli. Un grande viaggio inizia con un piccolo passo. Oggi sento di averlo fatto».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.