Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Robocup: gli studenti dell’Iti di Grosseto conquistano il terzo posto ai campionati italiani

Più informazioni su

GROSSETO – L’Iiss Manetti in Campidoglio, nella sala della Protomoteca, conquista il terzo posto ai campionati italiani di robocup a Roma. Un altro successo per la squadra dell’Istituto Tecnico Industriale “P. Porciatti” di Grosseto che sia aggiunge al già ricco medagliere di cui si può fregiare l’istituto maremmano. Un piazzamento importante  nella categoria Robocup junior soccer open league, non fosse altro per la portata dell’ottava edizione di “Romecup 2014”, che ha visto in gara  l’eccellenza della robotica, con 100 squadre provenienti da 13 regioni italiane. La squadra dell’Iti, composta da cinque allievi, Leonardo Bargagna, Lorenzo Sozzi, Lorenzo Misuri, Federico Pingitore e Dino Sugaroni, è stata accompagnata dai professori Antonio Turano e Daniele Dattrino, mentore di questa disciplina che sta coinvolgendo sempre più ragazzi.

«Per noi è una grande soddisfazione partecipare a questo evento – dice la preside Maria Grazia Trani – che da anni ci permette arrivare alla fase dei mondiali, quest’anno previsti in Brasile, in concomitanza con quelli di calcio. La robotica è una nuova disciplina educativa che offre grandi potenzialità di lavoro – commenta ancora la preside, che spiega – In Europa ci sono ancora 900mila posti di lavoro non occupati nel settore ICT e scuole come la nostra permettono proprio di formare tecnici qualificati in queste discipline. Gli studenti che sperimentano la robotica educativa acquisiscono conoscenze, sviluppano competenze e mettono in pratica valori fondamentali che riducono quel disallineamento con il mondo del lavoro, soprattutto per la mancanza di soft skill, che lamentano le aziende tecnologiche, quelle che hanno più bisogno di investire in risorse umane: quasi un milione di posti di lavoro che rischiano di rimanere vacanti.  Ringrazio i nostri studenti per l’impegno profuso insieme ai loro insegnanti e sono convinta che se dovessero approdare ai mondiali sapranno farsi valere anche lì». Ricordiamo che nella categoria robocup junior i robot di ogni squadra, un attaccante e un difensore,  giocano su un campo di 122 per 183 centimetri. Vince la squadra che in due tempi di 10 minuti ciascuno riesce a fare più goal all’avversaria.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.