Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

La “Pace” di Vittorio Basaglia torna n piazza. Restaurata grazie all’Arci

Più informazioni su

MONTEMASSI – Domenica 23 marzo alle ore 11 alla Curva del Capitani a Montemassi  si terrà  la cerimonia della riconsegna alla popolazione  di un’opera dal grande valore simbolico e artistico: la statua “la Pace” di Vittorio Basaglia, ristrutturata a cura del Circolo Arci di Montemassi.

Saranno presenti il sindaco di Roccastrada Giancarlo Innocenti e il vice-sindaco Francesco Limatola, l’esecutore del restauro il fabbro d’Arte Fabio Celoin e l’artista Eraldo Mauro che ha supervisionato il delicato intervento.

Da quaranta  anni la famosa statua è posta  nel centro del paese di Montemassi,  una scultura in ferro di Vittorio Basaglia dal nome “La Pace”. L’artista veneziano la realizzò nel 1974 e successivamente la dono’ al paese d Montemassi, quindi inserita nel patrimonio pubblico comunale. L’usura del tempo e degli elementi atmosferici ne stavano rovinando in parte la struttura, con seri rischi per la sua conservazione.

L’Arci Montemassi, interpretando un sentimento diffuso nella popolazione, ha deciso insieme al Comune di Roccastrada il restauro e la rigenerazione di questa opera d’arte ormai entrata nell’arredo urbano di Montemassi, sostenendo interamente il costo dell’operazione.

Le varie operazioni sono state particolarmente complesse ; dallo smontaggio al trasporto presso una officina specializzata che si trova a Mogliano Veneto ed infine l’intervento rigenerativo e conservativo .

Biografia: Vittorio Basaglia (Venezia, 19 agosto 1936 – Pinzano al Tagliamento, 25 febbraio 2005) è stato pittore, scultore ed incisore di fama internazionale, insegnante all’Accademia di belle arti di Urbino e all’Accademia di belle arti di Venezia. Cugino del noto psichiatra Franco Basaglia, Vittorio fu promotore a Trieste di un laboratorio artistico collettivo e creatore della statua “Marco Cavallo”, simbolo della fine dell’isolamento dei malati mentali. Ha soggiornato  e operato per molto tempo a Montemassi, tra gli anni’60 e ’80.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.