Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Chiusura squadra nautica, Coisp: Che senso ha avuto comprare le moto d’acqua?

Più informazioni su

GROSSETO – «La Polizia Postale e la Squadra Nautica non sono rami secchi senza alcuna utilità, da poter serenamente tagliare, ma sono fondamentali in una Provincia assai estesa come la nostra che, specialmente nei mesi estivi, diventa densamente popolata in quanto ambita meta turistica». A parlare, in una lettera indirizzata, tra gli altri, al Prefetto, al Questore e al sindaco di Grosseto, il Coisp, il sindacato di Polizia. «Abbiamo visto, egregio sindaco, i suoi propositi futuri per impedire la chiusura dei posti di Polizia in questione». Secondo quanto afferma il segretario Coisp di Grosseto Rosa Santagata, in tutta Italia verrano chiusi 261 presidi territoriali di Polizia, «le previsioni di chiusura riguardano: 11 Commissariati di Pubblica Sicurezza che, ricordiamo espletano le funzioni di Autorità locale di Pubblica Sicurezza, 73 Uffici di Polizia Ferroviaria, 73 Sezioni di Polizia Postale, 27 Sezioni e/o Sottosezioni Polizia Stradale, 4 Nuclei Artificieri, 11 Squadre a Cavallo, 4 Sezioni Sommozzatori, 50 Squadre Nautiche; oltre agli accorpamenti e rimodulazione delle competenze di alcuni compartimenti in ambito Stradale, Ferroviario e della Zona di Polizia di Frontiera».

«Parlano di “ridimensionamento e di razionalizzazione” dei presidi di Polizia – precisa Il Coisp -. Sembrano dimenticare quanto costi allo Stato questo tipo di “ridimensionamento”. Ad ogni poliziotto che si vedrà trasferito da una sede ad un’altra, sita in un comune non confinante con il comune dell’ufficio soppresso dovrà essere corrisposta l’indennità di cui alla Legge 86/100. Approssimativamente centinaia di migliaia di euro. Il sindacato Co.I.S.P. della Polizia di Stato vuole far capire che rinunciare a due presidi di Polizia fondamentali per il nostro territorio, quali La Polizia Postale e la Squadra Nautica, sarebbe un grave errore».

«La polizia postale è l’unico reparto della Polizia di Stato che si occupa in maniera continuativa e specifica dei reati telematici, quali truffe, frodi informatiche, reati connessi all’utilizzo di pc –web-smarphone – precisa il sindacato dei poliziotti -. La squadra nautica formata da pochi ma validi elementi (in tutto meno di una decina), con pochi mezzi nautici, ma che sono ormeggiati in un punto nevralgico della nostra costa che nel periodo estivo si popola di turisti, tra i quali anche esponenti politici con imbarcazioni. Innumerevoli sono i soccorsi effettuati ai natanti in difficoltà e/o alla deriva dagli uomini della Squadra Nautica, con ogni genere di tempo ed anche con perturbazioni meteo imponenti; controlli ad ogni genere di barca con ispezioni al materiale di bordo e identificazione delle persone imbarcate. Il più tragico, il più importante e conosciuto dei soccorsi quello sulla Costa Concordia che stava affondando nelle acque antistanti l’isola del Giglio».

«Questa Organizzazione Sindacale ricorda l’imponente pubblicità svolta in estate da personale della Polizia di Stato che pattugliava le nostre coste, effettuando i controlli ed ispezioni sottocosta ai natanti, ai surfisti, con le potenti e costose moto d’acqua recentemente acquistate dal Ministero. Ecco ci chiediamo che senso abbia comprare tante moto d’acqua, quando poi l’intenzione è quella di chiudere 50 Squadre Nautiche in tutto il territorio; questa è la spesa che doveva essere meglio ponderata secondo il Co.I.S.P. che si domanda cosa se ne faranno dei mezzi nuovi comprati con i soldi della comunità? A livello operativo l’amministrazione ha subito un costo per formare con specifici corsi e con l’esperienza sul campo degli specialisti; integrati in una questura siamo sicuri di ricondizionare ed utilizzare senza difficoltà in una Volante chi è disceso adesso da una nave Per ora sono queste le chiusure ipotizzate dal Ministero, ma la prossima volta a chi toccherà? Saranno costretti a chiudere il posto di Polizia della Polizia Ferroviaria alla stazione di Grosseto? Visto anche il disinteresse di Trenitalia all’utilizzo della linea tirrenica. Oppure qualche distaccamento della Polizia Stradale nella nostra vasta provincia? Ne abbiamo solo tre (Arcidosso, Massa Marittima e Orbetello) e non abbiamo un solo Commissariato di Pubblica Sicurezza in zone ad alta densità quali l’Amiata, Orbetello o Follonica».

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.