Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Rifiuti, aumenti in arrivo. Confcommercio: Senza un sistema premiante non conviene farla

Più informazioni su

GROSSETO – «I rifiuti diminuiscono perché si consuma meno, eppure i costi continuano ad aumentare. E non è previsto nessuno sgravio per i Comuni virtuosi che fanno la raccolta differenziata. Di questo passo, non converrà più a nessuno farla, ma allora saremo sommersi dai rifiuti come è avvenuto in Campania? Vogliamo subito che Regione e Province ci dicano cosa vogliono fare». Paolo Coli, direttore Confcommercio Grosseto interviene sul tema dei rifiuti.

«Cresce dal 4 al 15% il livello medio di morosità fra gli utenti: la gente non ce la fa a pagare. Già ora famiglie e imprese fanno fatica a pagare la raccolta e lo smaltimento, se gli aumenti venissero confermati sarebbe il disastro completo; l’aumento della morosità ne è un segnale premonitore importante! La base di calcolo delle tariffe è ancora il 2010, ma da allora la produzione di rifiuti ha subito un forte calo, per via della crisi che ha fatto chiudere aziende e diminuire i consumi di tutti. Perché allora i costi del servizio di raccolta aumentano?»

Confcommercio evidenzia anche la mancanza di un sistema di premialità che valorizzi i Comuni virtuosi nella raccolta differenziata: «se i costi della gestione rifiuti vengono ripartiti allo stesso modo fra i Comuni, senza prevedere sgravi per quelli virtuosi, dal punto di vista economico fra poco non converrà più a nessuno continuare a fare la raccolta differenziata. Temiamo che si avvicini lo spettro Campania: saremo sommersi dai rifiuti? Vogliamo che Regione e Province dichiarino apertamente cosa hanno intenzione di fare in merito. I Comuni sono in difficoltà ad esigere i crediti in certi casi, perché la morosità nasconde sempre gravi difficoltà di famiglie e imprese. Alcune Amministrazioni hanno chiesto il congelamento delle tariffe ai livelli del 2013, che già erano alte, e soprattutto chiedono la fatturazione diretta dei costi di smaltimento, in modo da pagare solo quanto gli compete e non di più. Anche per noi sarebbe un modo per capire dove si annidano sprechi e cattiva gestione»

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.