Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Discount i dischi di ieri e di oggi: andiamo nel 1971 con The Who

a cura di Massimo Vigni

Dodicesmo appuntamento con la nostra rubrica “Discount”, i dischi di ieri e di oggi. Questa puntata è dedicata a The Who e al suo album “Who’s next” – Track – del 1971

Questo disco esce dopo il successo mondiale di “Tommy”. Successivamente Pete Townshend deciderà di scrivere un’opera multimediale definitiva, ma ad alcuni mesi di distanza il progetto si arenerà e da questo fallimento inizierà con più vigore a scrivere brani che forse sono il compendio della carriera del gruppo.

“Baba O’ Riley” che solo per chi non ama il rock è la sigla di CSI New York, inizia con una sequenza ripetuta di sintetizzatore seguita dalla potenza di Keith Moon alla batteria e la voce di Roger Daltrey, tutto in un crescendo da brividi, un capolavoro. Il brano è una dedica appassionata a Terry Riley,musicista minimalista precursore dell’elettronica odierna.”Bargain” che arriva dopo è uno scambio continuo tra la batteria di Moon e la chitarra hard di Pete Townshend .”The song is over” cantata da Townshend inizia lenta e traditrice con Nicky Hopkins al piano,per poi deragliare in un crescendo rock,tra tante tinte psichedeliche.”Behind Blue Eyes” è eccezionale,tra la chitarra acustica di Townshend ,la splendida voce di Dartley e gli altri componenti ad impreziosire con dei cori fantastici.” Won’t Get Fooled Again” chiude l’album con suoni forti,quasi tribali in un susseguirsi di strumenti che si rincorrono fino a trovarsi e poi perdersi di nuovo,adrenalina pura! Tutto “Who’s Next” è tra i dischi senza tempo e suona “nuovo” sempre!

Tracklist: 1) Baba O’Riley 2) Bargain3) Love Ain’t For Keepin’4) My Wife5) The Song Is Over6) Gettin’ In Tune7) Goin’ Mobile8) Behind Blue Eyes9) Won’t Get Fooled Again

Per ascoltare: “Baba O’Riley” www.youtube.com/watch?v=hKUBTX9kKEo

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.