Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Riaperto il cantiere al Gambrinus di Santa Fiora: «Sarà un centro culturale»

Più informazioni su

SANTA FIORA – Sono ripresi i lavori all’ex-cinema Gambrinus. La struttura è destinata a divenire un polo multifunzionale per l’intrattenimento culturale e musicale. I lavori in corso riguardano principalmente le pertinenze esterne e la sala al pianterreno. Quest’ultima diventerà un ambiente poliedrico che sarà messo a disposizione delle associazioni culturali e di promozione sociale. L’obiettivo è quello di fornire ai giovani uno spazio attrezzato per permettere loro di sviluppare le proprie passioni nel campo delle arti visive e musicali.

La sala per gli spettacoli, ubicata al primo piano dello stabile, potrà ospitare qualsiasi tipo di rappresentazione culturale; è infatti stata dotata di un impianto audio/video all’avanguardia che permetterà lo svolgimento di proiezioni cinematografiche, la messa in scena di spettacoli teatrali, passando per le recite scolastiche, le convention e i dibattiti scientifici. La sala avrà una capienza di 220 posti, e al suo interno sono state approntate due postazioni che consentiranno anche alle persone diversamente abili di assistere alle rappresentazioni, dal momento che l’intera struttura è progettata e realizzata seguendo precisi criteri finalizzati all’abbattimento delle barriere architettoniche.

«Durante tutto il suo operato una delle intenzioni principali dell’amministrazione comunale – si legge in una nota – è stata quella di stimolare e dare lustro ancora maggiore alla vocazione musicale della comunità santafiorese. Vocazione già ampiamente sviluppata grazie all’impegno incessante di associazioni e gruppi presenti sul territorio, tra i quali spiccano la “Filarmonica Comunale Gioberto Pozzi”, la “Corale Padre Corrado Vestri”, il “Coro dei Minatori” e la “Compagnia del Ciaramito”, senza dimenticare l’associazione “Santa Fiora in Musica” che organizza, con cadenza annuale, l’omonimo festival. La rassegna musicale, che festeggerà quest’anno la quindicesima edizione, vede avvicendarsi nella suggestiva cornice del borgo amiatino gli interpreti internazionali dei generi musicali più disparati: dalla musica da camera al jazz, dalla rappresentazione di opere liriche fino alle lezioni di tecnica musicale».

«Vorrei ringraziare tutti quei soggetti che hanno partecipato al recupero di questa preziosa struttura” afferma il Sindaco Verdi “In particolare mi riferisco ai contributi erogati da parte della Regione Toscana e del F.A.R. Maremma (Fabbrica Ambiente Rurale ndr), grazie ai quali è stato possibile portare a termine questo ambizioso progetto. Un progetto che, sono convinto, incrementerà in modo deciso la già spiccata propensione culturale che anima la nostra comunità. Dopo la realizzazione della palestra, mediante la quale ci proponevamo di consentire agli studenti delle scuole e a tutta la popolazione del nostro comune di praticare attività fisica adeguatamente e comodamente, volevamo offrire ai giovani un punto di aggregazione all’interno del quale potessero sviluppare le loro attitudini creative. Con la ristrutturazione dell’ex-cinema Gambrinus siamo convinti di aver fatto un passo importante in questa direzione».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.