Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sicurezza stradale: la Provincia presenta la campagna che insegna a vivere “slow”

di Barbara Farnetani

GROSSETO – Cinque video, dieci slow party e poi magliette, brochure, e il coinvolgimento di studenti, scuola e Polizia provinciale. Partirà lunedì ma è stata presentata in anteprima al cinema Stella la nuova campagna della Provincia di Grosseto per la guida sicura. La campagna, rivolta ad una pubblico di ragazzi dai 14 ai 19 anni, non presenta immagini shock e a forte impatto emotivo come capita di solito per le pubblicità sulla sicurezza stradale, «abbiamo scelto un’altra via, afferma l’assessore alla Polizia provinciale Patrizia Siveri – le immagini negative vengono rimosse con più facilità, l’ironia resta. Potevamo andare nelle scuole, ma non avremo raggiunto tutti gli studenti, e così abbiamo scelto una campagna pubblicitaria da aggiungere a dieci slow party, a scuola o in altre sedi per incontrare la Polizia municipale, proiettare il video mentre magari si ascolta musica davanti ad un buffet».

«Si tratta di un modo differente di fare educazione stradale – precisa il presidente della Provincia Leonardo Marras – invece di andare nelle scuole a dire ai bambini che si deve andare piano, regole che poi, una volta cresciuti non vengono più rispettate, abbiamo scelto una campagna che speriamo diventi virale. Quando abbiamo deciso di investire in una campagna di comunicazione rivolta ai giovani ci siamo interrogati su quale fosse l’approccio migliore per essere ascoltati da loro. Il messaggio che volevamo passare è che la velocità non è vincente mentre la lentezza può far apprezzare le cose belle della vita».

L’attore protagonista è Luca Di Giovanni, mentre la troupe (14 elementi) che ha girato gli spot è interamente maremmana, con una serie di comparse prese direttamente “dalla strada” o meglio da Facebook tra i tanti che si sono iscritti per partecipare. «Abbiamo scelto di lavorare sul territorio» precisa l’aiuto regista Niccolò Falsetti. «Drive slow nasce come risposta alla campagna nazionale “sulla buona strada” che non ci era piaciuta» afferma il produttore Carlo Tozzi.

La campagna è stata finanziata interamente con una parte degli introiti provenienti dai verbali elevati dalla polizia provinciale per eccesso di velocità. Il video sarà trasmesso per il prossimo mese all’interno della programmazione del cinema Stella e da lunedì lo troverete anche sul nostro giornale on-line.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.