Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

A(rt)Live torna con le controverse opere di Damien Hirst

GROSSETO – Damien Hirst non ha ancora 50 anni ed è l’artista vivente più ricco, conosciuto e importante del mondo. Autore di opere controverse come il teschio umano ricoperto di diamanti, lo squalo in formaldeide, la mucca e il vitello sezionati, Hirst è inventore di macchine visive potenti, con le quali sembra voler rimescolare le tematiche più profonde dell’immaginario collettivo. Ironia e orrore, bellezza e crudeltà, nascita e morte sono i poli tra i quali oscilla il senso teatrale di un’opera che ha dominato la scena artistica britannica durante gli anni novanta, portandola alla ribalta internazionale. Proprio in quel periodo il cantante e musicista grossetano Giammarco Morellini ha vissuto a Londra e respirato l’atmosfera culturale rivoluzionaria dei Young British Artists.

Quando ha dovuto scegliere – per il ciclo ArtLIVE – l’artista visivo che più lo influenzato e ispirato, Morellini non ha avuto dubbi. Così giovedì 27 febbraio alle ore 18, nella Sala Conferenze del Museo di Storia Naturale di Grosseto, la sua musica farà da suggestivo contrappunto sonoro all’arte del “geniale hooligan di Soho”. Integrato da interventi critici sull’opera di Hirst, l’evento è gratuito e riservato ai soci di Fondazione Grosseto Cultura, ma ci si può associare anche durante l’incontro. Per informazioni tel. 0564 453128 – info@fondazionegrossetocultura.it .

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.