Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tassa di soggiorno, Casamenti: andava rimandata al 2015, le promesse di Stoppa valgono zero

di Sabino Zuppa

ORBETELLO – «Come può essere ritenuta credibile la giunta Paffetti che 12 giorni prima delle scorse elezioni amministrative prometteva solennemente che non avrebbe mai applicato la tassa di soggiorno?» Così interviene il leader dell’opposizione lagunare sulla questione che riguarda l’adozione della nuova imposta e continua dicendo che «le promesse del vice sindaco Stoppa, che su molti argomenti ci ha abituato a proclami poi rimasti nel vuoto, abbiano il valore di zero. In secondo ci chiediamo se Stoppa non abbia ancora compreso che la tassa di soggiorno per il 2014 la pagheranno direttamente gli albergatori e i titolari di campeggi e agriturismi – dice Casamenti – dato che molte prenotazioni sono già state assunte e i tempi di questa giunta inesorabilmente lenti non coincidono con l’attività turistica; per questo avevamo chiesto almeno un rinvio dell’applicazione al 2015. Quindi gli operatori dovranno sobbarcarsi il tributo per evitare pessime figure. Ci chiediamo poi se Stoppa si renda conto di quello che dice quando afferma che sarà applicata soltanto durante i 4 mesi estivi. Forse non sa che Orbetello vive di turismo ormai un mese all’anno e durante il periodo invernale non vi è anima via: voleva forse applicarla anche in inverno? Inoltre non esiste uno straccio di relazione dettagliata sull’utilizzo delle entrate derivanti dalla tassa di soggiorno con l’indicazione di ogni singoli intervento».

«Stoppa avrebbe già dovuto comunicare agli operatori del settore e ai commercianti e a coloro che vivono di turismo: il numero capitolo di spesa del turismo, l’intervento specifico dettagliato e la somma al centesimo destinata derivante dalla tassa di soggiorno che si aggiunge a somma del bilancio del passato anno. In realtà – conclude Casamenti – non esiste nulla di tutto ciò se non le barzellette di Stoppa che si limita ad enunciare i caratteri generali della tassa che finirà per servire a ben altro. Dopo Imu e Tares applicata al massimo dalla giunta Paffetti ora anche la tassa di soggiorno».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.