Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tomba profanata, il vescovo: Scosso da tanta violenza e crudeltà

GROSSETO – «Sono rimasto intimamente scosso nell’apprendere che al cimitero di Sterpeto sia stata violata una tomba e, con tanta violenza e crudeltà, profanato il corpo di una defunta». Così il sindaco di Grosseto, Rodolfo Cetoloni, commenta la profanazione di una tomba la cimitero di Sterpeto. «Ho riflettuto dentro di me, come cristiano, prima ancora che come sacerdote e vescovo, sul dolore che un atto tanto squalificante può provocare in coloro che a quella defunta hanno voluto bene, che da quel corpo sono nati, che nella relazione anche fisica e corporea con quella creatura hanno ricevuto gioia, affetto, consolazione, benedizione e non posso che manifestare loro la vicinanza mia personale e della Chiesa di Grosseto, offrire la mia povera preghiera, dirmi pronto ad un gesto che in qualche modo ripari il male provocato da mani ignote».

«Mi chiedo anche da quale malessere e da quale cattiveria interiore possa nascere la spinta così poco umana a compiere un gesto di profanazione – prosegue il vescovo della Diocesi di Grosseto -. Sono interrogativi rispetto ai quali non ho risposte immediate, ma che suscitano in me il bisogno, come pastore, di riproporre con umiltà una riflessione pubblica sul senso del nostro corpo, sul significato del culto dei defunti, sul perché la nostra umanizzazione passa anche dal rispetto che portiamo ai resti mortali di chi ci ha preceduti nel cammino di questa vita e, per chi ha fede, è adesso nelle mani misericordiose di Dio. La Chiesa fin dagli albori della sua bimillenaria storia ha onorato la memoria dei defunti e lo ha fatto non solo come gesto di pietà verso persone a cui ci hanno legato affetto, amore, amicizia, stima, simpatia, ma anche nella ferma consapevolezza che il corpo è il dono nel quale Dio ha infuso il suo “alito di vita” e che ogni donna e ogni uomo sono immagine del Creatore. Ddesidero con tutto il cuore offrire parole e gesti che possano consolare i familiari, così tanto scossi da questa vicenda molto dolorosa da sopportare e mi auguro che in ognuno di noi certi episodi abbiano l’effetto di aiutarci a recuperare il senso del rispetto per il mistero che è ogni essere umano, in vita come dopo la morte».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.