Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

La Maremma cuore dell’Etruria: convegno Unesco a Grosseto

Più informazioni su

GROSSETO – In un momento di oggettiva difficoltà nel programmare e attuare politiche efficaci di tutela e valorizzazione del patrimonio culturale, il Club Unesco Grosseto Maremma volge l’attenzione all’eredità culturale, artistica ed archeologica degli Etruschi in Maremma. Con la consapevolezza che tra l’antico e misterioso popolo etrusco e la nostra terra vi sia un legame inscindibile e profondo che ci responsabilizza a trasmettere e valorizzare quelle espressioni culturali che proprio in Maremma hanno raggiunto i livelli più elevati. Il convegno, intitolato “La Maremma cuore dell’Etruria. Politiche di tutela e valorizzazione dell’eredità e del patrimonio etrusco”, è organizzato dal Club Unesco Grosseto Maremma, nella Sala conferenze dell’ANCE Grosseto in via Monterosa, e si terrà domani venerdì 14 febbraio 2014 alle 16.

Aperto a tutti e a ingresso gratuito, al convegno prenderanno parte studiosi e tecnici del settore, amministratori locali, rappresentanti delle associazioni di categoria e del mondo delle imprese. Il convegno si apre con i saluti e l’introduzione ai lavori di Sergio Vasarri, presidente del Club Unesco Grosseto Maremma. I lavori entreranno dunque nel vivo con due interventi tecnico-scientificii a cura di Roberta Pieraccioli, Coordinatore della Rete museale della Provincia di Grosseto, che delineerà il quadro delle attività e delle prospettive della Rete museale della Provincia di Grosseto, ed a cura di Simona Rafanelli, Direttore scientifico Museo Civico Archeologico “Isidoro Falchi” Vetulonia, che farà un focus sul museo di Vetulonia e sul rapporto col territorio che lo circonda.

A seguire, la testimonianza del Comune di Perugia, attraverso Giovanni Tarantini, assessore ai Beni culturali, capofila del progetto di candidatura a Patrimonio dell’Umanità Unesco della “Dodecapoli etrusca”, ricordando che delle dodici “capitali” etrusche dell’antichità ben due – Roselle e Vetulonia – insistono sul nostro territorio. Quindi, la deputata Monica Faenzi parlerà del rapporto tra Stato e enti locali nelle politiche di tutela e valorizzazione del patrimonio. Il sindaco di Grosseto, Emilio Bonifazi, getterà uno sguardo ai programmi e agli strumenti di tutela e valorizzazione che l’Amministrazione comunale ha promosso in passato e promuoverà in futuro per valorizzare il patrimonio etrusco in Maremma, in una logica di sviluppo locale sostenibile in grado di apportare un grande valore aggiunto al territorio. Perché la tutela e la valorizzazione del patrimonio archeologico siano veramente attuati serve, però, un continuo sforzo nella formazione degli “eredi” dei costruttori dell’antichità. Per questo Mauro Carri, direttore ANCE Grosseto, tratterà la questione della qualificazione delle imprese per la tutela dei beni mobili ed immobili d’interesse storico, artistico ed archeologico. La prospettiva del mondo delle imprese sulle politiche culturali non può, infatti, essere trascurata. Anzi il ruolo delle imprese diventa centrale per l’attuazione delle politiche stesse e sinergico all’azione pubblica per lo sviluppo territoriale: Gianni Lamioni, Presidente della Camera di Commercio di Grosseto, parlerà pertanto del patrimonio culturale etrusco come possibile volano per la promozione del territorio. Altrettanto, ma da un prospettiva necessariamente istituzionale, farà Leonardo Marras, presidente della Provincia di Grosseto, che cercherà di allargare la visione alle politiche di valorizzazione del patrimonio etrusco nell’area vasta e in un sistema multi-livello, per riflettere anche sulle opportunità di interazione tra Governo nazionale e Amministrazioni locali.

Il convegno è aperto a tutti, la partecipazione è libera e gratuita. Durante il convegno sarà possibile rinnovare – oppure farlo per la prima volta – l’adesione al Club Unesco Grosseto Maremma.

Per informazioni: www.unescomaremma.it

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.