Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ex Colonia marina, Lynn: Basta alle favole del Pd. Per salvarla puntare sul privato

FOLLONICA – «Il sindaco che appoggerò alle elezioni avrà il buon senso di prendere atto dell’evidenza dei fatti e smettere di raccontare favole alla città prima che sia troppo tardi». Charlie Lynn, consigliere comunale del gruppo misto a Follonica parla della ex Colonia marina, partendo dalle affermazioni dei candidati alle primarie del Pd «Apprendo con sorpresa che i candidati del Pd alle primarie si stanno precipitando in ricette assai differenti per l’ex colonia marina scordandosi di aver condannato fino pochi giorni fa qualsiasi proposta capace di far tornare a nuova vita un plesso che, a causa dei ritardi dell’attuale amministrazione di cui facevano parte, verte in un preoccupante stato di degrado».

«Tra i folgorati lungo la via di Damasco sicuramente Benini che, sodale della Baldi, presenta soluzioni in cui “c’è tutto ed il contrario di tutto” – prosegue Lynn -. Secondo l’attuale vice sindaco nell’ex colonia possono coabitare più indirizzi: dal turismo, allo sport, dal culturale, fino al socio sanitario. Sostanzialmente ripropone la linea condivisa con il sindaco Baldi di intervenire per porzioni di struttura e che ha visto disertare miseramente il bando di gara che fu presentato solo due anni fa, quindi belle idee ma impraticabili. Poi, con riguardo all’ottenimento delle risorse economiche utili al restauro, si ripropone il modello Piuss che, il caso dell’ex Ilva insegni, sta dissanguando le casse comunali ed impedendo anche i normali interventi di manutenzione in città. Perché, è bene ricordarlo, i Piuss non sono gratis ed ai fondi comunitari fanno riscontro ingenti risorse comunali e tutt’oggi per garantirli stiamo vendendo anche il verde pubblico comunale con un piano di alienazione che dura ormai da anni».

«Per evitare il crollo della Colonia occorre accettare che, al massimo, sarà possibile salvare la proprietà pubblica dello stabile attraverso una concessione pluriennale al privato – conclude Lynn – il quale si accollerà le ingenti spese di manutenzione straordinarie e che presenti un unico progetto capace di far tornare a nuova vita la struttura e soprattutto di creare nuovi posti di lavoro. Il ricavato della concessione per la struttura da stipulare con un eventuale privato invece servirebbe per costruire un nuovo plesso su un terreno comunale che sia di aiuto per tutte le iniziative sostenute anche nel suo intervento dal vice sindaco Benini».

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.