Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Esposto per il suono delle campane, Tei: faremo le verifiche. Vescovo: Rispettosi di ogni persona

GROSSETO – «Il suono delle campane non può essere derubricato a “fastidioso rumore”, investendo invece una dimensione che fa parte della storia, della cultura e dell’identità stessa della nostra comunità civile, che va rapportato al contesto normativo». È quanto è emerso nel corso dell’incontro tra Curia e Comune di Grosseto in merito all’esposto sul suono delle campane di San Giuseppe, in Barbanella.

«Compito del Comune – dichiara Giancarlo Tei, Assessore comunale all’Ambiente – è di contemperare esigenze differenti tutelando tutti, compresa la presenza significativa della Chiesa all’interno del nostro contesto civico. Tra l’altro, in riferimento al san Giuseppe, stiamo parlando di una delle parrocchie storiche della città, che ha rappresentato uno dei segni più eloquenti della espansione urbana di Grosseto fuori dai confini delle Mura. Lungi da noi, quindi, voler assecondare o prestare il fianco a condotte che muovano da una prevenzione ideologica nei riguardi di una istituzione, ma prima ancora di una fede, verso la quale guardano con rispetto e fiducia moltissime persone. Al Comune spetta, lo ribadiamo, solo garantire che in un consesso civile nessuno possa sentirsi leso dall’esercizio della libertà degli altri. Per questo i nostri uffici stanno effettuando le dovute verifiche rispetto ad un eventuale procedimento sanzionatorio e nello stesso tempo, come assessore, sto valutando l’esigenza e la opportunità di avviare un ragionamento sereno anche sui contenuti del regolamento. Aggiungo infine – conclude l’assessore Tei – che il suono delle campane è materia disciplinata dal Concordato fra lo Stato Italiano e la Santa Sede e che da tale cornice giuridica non possiamo né vogliamo minimamente prescindere».

«Da parte della Chiesa di Grosseto – dichiara il vescovo Rodolfo – non c’è mai stata la pretesa di godere di particolari privilegi rispetto agli altri. Siamo i primi a chiedere verifiche di legge, affinché ogni nostra attività sia sempre ed ovunque rispettosa di ogni persona. Nello stesso tempo, però, crediamo che non si possa trascurare il valore che per una comunità civile nel suo insieme ha rivestito e riveste ancora il suono delle campane, che da secoli è, sì, il segnale di richiamo alle celebrazioni liturgiche e di fede, ma è anche il segnale che scandisce il trascorrere del tempo e che ‘comunica’ fatti lieti o dolorosi del nostro vivere insieme da persone che desiderano ancora sentirsi parte viva di una comunità umana».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.